Emergenza Coronavirus, Villanova: "Subito interventi a sostegno di imprese e lavoratori"

Il consigliere regionale parla a margine delle ultime decisione del Governo: "Ci auguriamo che vengano accolte le istanze della Regione e che vengano messe in campo misure altrettanto urgenti e necessarie di sostegno economico, altrimenti dovremo contare anche le vittime economiche"

"Sabato sera, più o meno all’ora di cena, è stata data in pasto ai canali ufficiali istituzionali una bozza non confermata e non definitiva di un decreto ministeriale nazionale contenente le stringenti misure governative che tutti conosciamo per il contenimento del Coronavirus. Questo fatto è già grave di per sé, in quanto nessuno, né il consigliere del più piccolo comune, né il ministro dello Stato dovrebbe permettersi di dare in pasto a giornalisti e social un testo provvisorio ed incompleto che tratta un tema così delicato. Sono senza parole". A parlare è Alberto Villanova, consigliere regionale della Lista Zaia, di fronte al panico che si è creato tra sabato e domenica, dopo che la bozza del decreto 'della discordia', firmato durante la notte dal Premier Conte, è circolato su giornali, social e tutti gli altri canali di comunicazione, senza l'ufficialità certa.

"Non entro nel merito delle misure indicate nel Decreto; il nostro Governatore Luca Zaia sta dettando la linea proprio in queste ore ed è chiaro e cristallino a tutti come il Veneto non abbia la situazione medica che viene tratteggiata a Roma. Io personalmente sottoscrivo ogni parola contenuta nella lettera di osservazioni spedita a Roma proprio in mattinata. È invece chiaro ed evidente a tutti come, grazie alla frase 'effetto dalla data dell'8 marzo 2020', si abbia prodotto nella gente e soprattutto nei cittadini delle cosiddette 'nuove zone rosse', immediati panico, incertezza e preoccupazione. Con tutti i conseguenti scenari ai quali abbiamo assistito: assembramenti nelle stazioni dei treni, dentro i treni stessi, fuggi fuggi generale e nessun controllo nel frattempo delle altre disposizioni riguardanti la distanza di sicurezza. Si rischia addirittura un'impennata nei contagi e nella diffusione del virus stesso, a contrario di quanto si voleva evitare; e questo non lo dico io, ma il fior fiore di medici e virologi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prosegue poi Villanova e chiude: "E’ doveroso dire le cose come stanno, non fosse altro per chi si è ritrovato nel giro di 4 ore ad essere confinato a casa. Dopodiché ci auguriamo che vengano accolte le istanze della Regione e che vengano messe in campo misure altrettanto urgenti e necessarie di sostegno economico e finanziario ad imprese, lavoratori ed aziende, altrimenti dovremo contare anche le vittime economiche, dopo quelle da Coronavirus".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Covid nelle scuole della Marca: 8 classi in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento