Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Epatite C, il PD contro la Regione: "Si riprendano le attività di screening"

Secondo i consigliere regionali del PD in Veneto sarebbero circa 7mila i pazienti ‘sommersi’

“Il contrasto all’epatite C deve riprendere a pieno regime e in tempi brevi, ci sono risorse nazionali da spendere entro quest’anno per attività di screening e trattamento: in Veneto sarebbero circa 7mila i pazienti ‘sommersi’”. Il sollecito alla Regione arriva dalla consigliera regionale PD e vicepresidente della commissione Sanità Anna Maria Bigon, prima firmataria di un’interrogazione sottoscritta anche dagli altri colleghi del gruppo: Vanessa Camani, Jonatan Montanariello, Giacomo Possamai, Andrea Zanoni e Francesca Zottis. 

“Lo screening è la sola strategia per scoprire l’infezione, poiché asintomatica. L’Oms si è data l’ambizioso obiettivo di eliminare questa patologia entro 2030 e il Veneto aveva cominciato bene: il Piano di eradicazione del 2018 ha dato ottimi risultati, permettendo la guarigione di migliaia di persone. Tutta l’Italia era in esempio virtuoso, dopo appena un anno, però, si è verificata un’inversione di tendenza, con una riduzione dei soggetti sottoposti a cura. La pandemia ha fatto il resto, tanto che si registra un decremento del 90% dei trattamenti rispetto al periodo pre-Covid”.

“Il Governo Conte-bis ha cercato di recuperare terreno, stanziando con il Decreto Milleproroghe 71,5 milioni di euro per il biennio 2020- 2021 così da introdurre a livello regionale lo screening gratuito per i nati negli anni dal 1969 al 1989, i soggetti seguiti dai servizi pubblici per le tossicodipendenze e i detenuti. Risorse - avverte Bigon - che però vanno spese entro il 2021. Per questo vogliamo sapere se sono stati predisposti i programmi di intervento e se se siano state pianificate da un lato la campagna di informazione per le persone potenzialmente coinvolte, dall’altro iniziative di formazione per gli operatori sanitari”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epatite C, il PD contro la Regione: "Si riprendano le attività di screening"

TrevisoToday è in caricamento