Export veneto ed embargo Russia, Zanoni: "E' un provvedimento strumentale"

Il consigliere del Partito Democratico ha commentato il no del gruppo alla risoluzione in cui si chiede alla Regione di intervenire sul Governo affinché ritiri l’embargo a Mosca

TREVISO Valdegamberi dovrebbe studiare la storia e vergognarsi di certe affermazioni. Paragonare l’Unione Europea al nazismo per le sanzioni inflitte alla Russia è inaccettabile”. È quanto afferma Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, commentando il no del gruppo alla risoluzione n.44, approvata con 36 voti a favore otto contrari e due astenuti, in cui si chiede alla Regione di intervenire sul Governo affinché venga ritirato l’embargo a Mosca per le conseguenze negative sull’export veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un provvedimento strumentale, perché ci sono già le sedi opportune dove portare avanti le rivendicazioni e perché le effettive perdite economiche per le esportazioni italiane e venete dovute alle sanzioni sono molto al di sotto di quanto scritto nella risoluzione. Sanzioni - aggiunge Zanoni - che non hanno come obiettivo i produttori dell’agroalimentare o della moda, o dell’industria più in generale, ma che sono state la risposta giustificata per limitare l’aggressività militare russa e alla violazione del diritto internazionale. I danni subiti dalle imprese italiane sono semmai dovute alle cosiddette ‘controsanzioni’ introdotte in maniera autolesionista proprio da Mosca, mai citate e sempre taciute dai proponenti della risoluzione della Lega e della Lista Zaia”. “In aula - conclude consigliere dem Zanoni - ho voluto anche ricordare le denunce contenute in un rapporto dell’Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite a proposito di detenzioni arbitrarie, sparizioni forzate, torture e maltrattamenti in Crimea, occupata dalla Russia dal 2014”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento