Extra costo del buono pasto scolastico per il Covid: a Casier è polemica

Il consigliere comunale Poloni: «C'è un grosso malcontento tra i genitori e noi dell'opposizione cerchiamo di dare voce a questo malumore»

Immagine di archivio

«Non si capisce perché una famiglia con figli alle elementari, che usufruisce del servizio mensa, debba sostenere un extra costo del buono pasto a causa del Covid. Eppure a Casier l'Amministrazione comunale carica interamente sulle famiglie un ulteriore 1,10 euro su ogni buono mensa, raggiungendo il triste record di 5,45 euro, superiore al confronto con la maggior parte degli altri Comuni. Parliamo di un rincaro di un quarto del suo costo che appesantisce il bilancio della famiglia di una spesa aggiuntiva di quasi 200 euro per ogni figlio  nell'anno scolastico in corso». A dirlo è il consigliere comunale Miriam Poloni di "Gruppo Per Casier".

«C'è bisogno invece di una mano pubblica che adotti misure straordinarie per fatti straordinari come una pandemia. Non scaricando con leggerezza sulle famiglie ciò che chiede in più il concessionario del servizio, ma intervenendo per calmierare gli aumenti - continua Poloni -Le famiglie vanno sostenute anche sui costi ordinari e non caricate addirittura di quelli straordinari. Le risorse che arrivano da Roma e quelle del bilancio pubblico devono essere utilizzate per alleggerire il carico delle famiglie che fronteggiano una situazione economica e sociale pesante». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L'Amministrazione si fa forza sul potenziamento dei contributi a ristoro, riconosciuti a fine anno alla famiglia sulla base del costo già sostenuto, che dipendono dalle fasce isee (come già avveniva e sempre in modo più incisivo). E siamo d'accordo che la restituzione di una parte della somma spesa debba essere legata solo alle fasce meno abbienti. Invece, la questione dell'aumento del buono di 1,10 euro deve essere coperto con fondi pubblici per il Covid, a favore quindi di tutte le famiglie, a prescindere dal valore Isee. Questo chiederemo nel prossimo consiglio comunale» conclude Poloni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento