Fratelli d'Italia e Gioventù Nazionale insieme per commemorare Borsellino a Treviso

Tommaso Razzolini, vicesindaco di Valdobbiadene: «Da sempre, prima da militanti politici e poi da amministratori locali, ci battiamo per una cultura di legalità, fa parte del nostro dna»

I militanti di fronte al Tribunale di Treviso

Gli amministratori e militanti di Fratelli d'Italia Treviso e Gioventù Nazionale Treviso, domenica mattina, hanno voluto commemorare il giudice Paolo Borsellino, la sua scorta e tutte le vittime di mafia davanti al Palazzo di Giustizia di Treviso per sottolineare l'importanza della lotta alle mafie e la propria vicinanza alle forze dell’ordine e ai giudici che quotidianamente contrastano il proliferare di ogni forma di delinquenza, comune ed organizzata.

«Da sempre, prima da militanti politici e poi da amministratori locali, ci battiamo per una cultura di legalità, fa parte del nostro dna. Ricordo a tutti che il nostro compianto Giorgio Almirante diceva una cosa assolutamente condivisibile e attualissima: Un ladro va messo in galera. Se il ladro è uno dei nostri deve avere l’ergastolo - ha affermato Tommaso Razzolini, vicesindaco di Valdobbiadene e candidato alle Elezioni Regionali nelle liste di Fratelli d’Italia - Paolo Borsellino è un eroe nazionale e come tale abbiamo il dovere di ricordarlo, non solo il 19 luglio, ma ogni giorno della nostra vita, non solo a parole ma con fatti concreti. Il suo esempio ha ispirato intere generazioni e il suo coraggio deve essere di esempio per tutti sopratutto per chi rappresenta le Istituzioni».

Presente alla commemorazione anche il Capogruppo di Fratelli d’Italia e nel consiglio comunale di Treviso, Davide Visentin: «Paolo Borsellino è stato molte cose, un giudice integerrimo, un patriota e soprattutto un grande uomo con un forte senso di legalità e di amore per la giustizia: Fratelli d'Italia ha già chiesto l’istituzione di una commissione d'inchiesta per appurare la verità sull’attentato di via D'Amelio e noi, a partire da Treviso, passando per Valdobbiadene e arrivando a Montebelluna, vogliamo far sì che non vengano mai dimenticati i suoi insegnamenti e abbiamo deciso quindi di presentare una mozione da condividere con tutti i nostri amministratori anche di altre città per richiedere l’istituzione di una Via a suo nome nei nostri territori».

Importante anche la partecipazione, organizzatori del flash mob, di Carlo Alberto Correale e di Erika Fischer, entrambi appartenenti a Gioventù Nazionale, in quanto chiaro segnale del fatto che anche le nuove generazioni sono sensibili al tema: «Quando, assieme all’Esecutivo di Gioventù Nazionale, abbiamo preso la decisione di svolgere questa commemorazione in onore di Paolo Borsellino» ha affermato Correale «sono subito stato favorevole: sono cresciuto in una famiglia di ufficiali dell’Esercito e carabinieri dove il senso del dovere, l'onestà e lo spirito di servizio sono valori fondanti. Per questo sento che in ogni giovane vive un potenziale Paolo Borsellino e ognuno di noi ha il dovere di coltivarlo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Erika Fischer, referente di Gioventù Nazionale in provincia di Treviso, si dice soddisfatta per l'evento in memoria del giudice: «È un segnale importantissimo. Ci sarebbe piaciuto essere a Palermo per rendere omaggio ad un uomo retto assassinato ingiustamente dalla mafia, ma abbiamo pensato che avrebbe avuto maggior valore essere presenti a Treviso, così da rendere il segnale ai giovani ancora più forte e vicino alla loro sensibilità. Ci troveranno sempre qui a promuovere una cultura di legalità e ad affermare, con l’esempio e con i fatti, che la mafia e’ una montagna di merda” ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento