Fusione dei comuni nel Veneto, Forcolin: "E’ ormai un obbiettivo strategico"

Il vicepresidente della Regione Veneto, Forcolin:"Risulta fondamentale agevolare lo sviluppo volontario di forme avanzate di integrazione fra amministrazioni comunali"

TREVISO A partire dal 2016 verranno assegnati contributi straordinari triennali per i nuovi comuni nati dalle fusioni. Lo dispone il provvedimento, adottato dalla giunta regionale su relazione del vicepresidente Gianluca Forcolin, con il quale sono stati fissati i criteri per l’assegnazione e l’erogazione a favore dei comuni istituiti a seguito del procedimento di fusione, per contribuire alle spese sostenute nei processi di unificazione e di riorganizzazione. Il contributo straordinario verrà assegnato ai nuovi comuni che saranno istituiti dopo l’adozione di questo provvedimento.

Il vicepresidente Forcolin, che ha la delega anche agli enti locali, sottolinea come l’istituto della fusione di comuni rappresenti una forma di riordino peculiare volta alla razionalizzazione e ottimizzazione dell’organizzazione istituzionale e in un contesto di finanza pubblica caratterizzata da tagli ai trasferimenti e di riduzione della spesa pubblica. “Risulta quindi fondamentale – aggiunge - agevolare lo sviluppo volontario di forme avanzate di integrazione fra amministrazioni comunali non solo per svolgere in maniera efficace le funzioni ad esse assegnate, ma per rispondere all’esigenza di una “adeguatezza” anche dimensionale dei singoli comuni”.  Di recente è stato semplificato anche il procedimento referendario per la fusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In base ai criteri adottati, i contributi saranno commisurati al numero dei comuni che si fondono (50.000 euro per ogni comune con un massimo di 200.000 euro), alla popolazione dei comuni interessati (10 euro per abitante con un massimo di 50.000 euro), alla spesa corrente degli enti in base al bilancio consuntivo dell’esercizio precedente alla fusione ,50.000 euro in misura fissa a cui si aggiunge l’aliquota dello 0,5% da applicare sulle spese correnti, con un importo massimo di contributo di 100.000 euro. L’importo del contributo sarà ridotto del 30% nel secondo anno e del 50% per la terza annualità. Per le fusioni già avvenute dei comuni di Quero Vas e di Longarone nel bellunese, beneficiarie di un contributo straordinario nel 2014, a decorrere dal 2016 potrà essere attribuito un contributo a conguaglio per la seconda e terza annualità negli importi rideterminati sulla base dei criteri stabiliti con questo provvedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento