Politica

Incendi nelle aziende di rifiuti: l'onorevole Floriana Casellato chiede più controlli

"Segnali pericolosi di attività criminali. Serve controllare per evitare danni ai cittadini e fare indagini mirate per prevenire il rischio di azioni illecite per alterare il mercato"

VIDOR "Il grave incendio di venerdì alla Vidori servizi ambientali di Vidor è un fatto inquietante che nell’immediato mette in pericolo la salute dei cittadini e impone interventi rapidi per assicurare la salubrità ambientale - dichiara l'onorevole trevigiana Floriana Casellato (PD) - L’azienda devastata dall’incendio, che tratta rifiuti pericolosi e poco infiammabili, è al centro di un contestato progetto di trasferimento della sede sottoposto all’esame della Regione. L’incendio segnala il rischio di attività illecite per condizionare il mercato dei rifiuti, settore da tempo al centro degli interessi delle organizzazioni criminali anche in Veneto".

"L’incendio di Vidor segue il lungo elenco di incendi a impianti per il trattamento di rifiuti in Veneto: 14 nel 2015, 11 nel 2016, finora 4 nell’anno in corso. Gli ultimi due episodi si sono verificati negli impianti Veritas di Fusina e di Campalto il 7 e il 12 giugno scorsi - continua il deputato pieddino Alessandro Naccarato - E’ necessaria la massima attenzione delle autorità di polizia per prevenire il rischio che gli incendi dolosi condizionino la concorrenza e il mercato nel settore dei rifiuti. Infatti le recenti esperienze indicano che gli incedi agli impianti di rifiuti sono finalizzati ad azioni truffaldine per nascondere difficoltà imprenditoriali, ad azioni di natura estorsiva o ad attività illecite di gruppi criminali in espansione in Veneto. Sull’incendio di Vidor presenteremo un’interrogazione al ministro dell’interno per sollecitare indagini accurate e rapide sulla natura dell’incendio e per individuare i responsabili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi nelle aziende di rifiuti: l'onorevole Floriana Casellato chiede più controlli

TrevisoToday è in caricamento