Incidenti sul lavoro: il consigliere Zanoni chiede l'intervento immediato della Regione

“Gli incidenti sul lavoro, anche mortali, sono sempre più in aumento. La sensibilizzazione non basta, servono più controlli” dichiara il politico in forze al Partito Democratico

TREVISO “È inaccettabile che si continui a morire sul lavoro. Gli incidenti, anche con vittime sono in aumento in tutto il Veneto: nel 2017 si sono registrati 69mila infortuni con 87 decessi e i dati sono aggiornati solo fino a novembre. Un incremento che non è frutto del caso ma, come denunciato dai sindacati, deriva dal peggioramento delle condizioni lavorative. La Regione dovrebbe intervenire con maggior decisione, per quanto è nelle sue competenze. Servono più controlli, la sensibilizzazione e la formazione non bastano”. È quanto dichiara il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni che nelle scorse ore ha presentato un’interrogazione a risposta immediata che è stata sottoscritta dai colleghi Stefano Fracasso, Graziano Azzalin, Bruno Pigozzo, Orietta Salemi, Claudio Sinigaglia e Francesca Zottis, oltre a Cristina Guarda (Lista AMP) e Pietro Dalla Libera (Veneto Civico).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il quadro è grave in tutte le province, per esempio a Treviso ci sono stati 11.352 casi denunciati nel 2017 un trend in preoccupante ascesa, tanto che nei giorni scorsi il Prefetto Laura Lega ha incontrato tutti gli attori istituzionali e del mondo dell’impresa per fare il punto, decidendo di mappare le situazioni più a rischio. Il 2018 si è aperto in modo altrettanto drammatico: oltre 60 morti a livello nazionale in poco più di un mese, un costo sociale elevatissimo indegno di un Paese civile. Si punta troppo spesso sul contenimento dei costi, ricorrendo a esternalizzazioni e subappalti, senza considerare le conseguenze.  Il profitto non può e non deve essere l’unico parametro di riferimento. Questi numeri sono simili a un bollettino di guerra, è necessario mettere in campo tutte le azioni possibili per ridurre una simile piaga. E ognuno deve fare la propria parte. Regione compresa”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Grave lutto per tutto il rugby veneto: a soli 55 anni si è spento Aldo Aceto

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento