rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Indagini su bolli auto, Zaia: "Totale collaborazione con magistratura"

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, interviene sulla vicenda degli appalti truccati per la riscossione dei bolli auto. "A marzo ho ricevuto un esposto anonimo che ho segnalato alla procura"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

“Ho la massima fiducia nell’operato della Magistratura. L’amministrazione regionale è pronta a collaborare in ogni modo possibile, mettendo totalmente a disposizione degli inquirenti gli atti e le informazioni in nostro possesso”.

Lo sottolinea il presidente Luca Zaia in riferimento alla vicenda sulla riscossione delle tasse automobilistiche che ieri mattina ha portato all’arresto di quindici persone, tra le quali un dirigente della Regione del Veneto.

“Per la gestione di questa partita – ricorda Zaia – la nostra Regione ha in essere una convenzione con la Regione Piemonte fin dal 2009. Nel dicembre 2010 la Giunta veneta ha autorizzato i dirigenti, in totale autonomia come previsto dalla legge, a espletare le procedure per la gara d’appalto”.

“Il nostro unico interesse – aggiunge il presidente – è che sia fatta massima chiarezza nel più breve tempo possibile. Per quanto mi riguarda, ciò che più conta è la totale trasparenza. E’ sulla base di questo convincimento che io stesso il 29 marzo 2012 ho segnalato alla Procura della Repubblica di Venezia un esposto anonimo che mi era stato inviato sulla vicenda”.

"La Regione del Veneto si riserva di costituirsi parte civile – ha concluso Zaia – nei confronti di chi dovesse essere ritenuto responsabile di azioni a danno della pubblica amministrazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagini su bolli auto, Zaia: "Totale collaborazione con magistratura"

TrevisoToday è in caricamento