menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legge sul "Dopo di noi": a Castelfranco Veneto successo per il convegno del Lions Club

"Un convegno strategico - ha dichiarato il vicesindaco Giovine portando il saluto del Sindaco, Stefano Marcon - per quanti vivono in prima persona queste problematiche"

CASTELFRANCO VENETO La Sala consiliare del Municipio di Castelfranco ha ospitato nei giorni scorsi la presentazione del convegno “Dopo di Noi - Vita ed autonomia dei figli nella disabilità, aspetti legali e sociali della legge 112/2016”. Presenti il vicesindaco, Gianfranco Giovine, l’assessore ai Servizi Sociali, Sandra Piva, il presidente del Lions Club Treviso Europa, Carlo Sernagiotto e di Castelfranco Veneto, Renato Pietrobon. L’appuntamento, andato in scena venrdì scorso alle ore 16 al Teatro Accademico, è stato frutto della sinergia tra Amministrazione comunale ed i due Service Club per una forte collaborazione pubblico-privato instaurata ad inizio del mandato amministrativo.

«Un convegno strategico - ha dichiarato il vicesindaco Giovine portando il saluto del Sindaco, Stefano Marcon – per quanti vivono in prima persona queste problematiche. Fa onore avere al fianco i due Lions per una risposta che merita un grande plauso». Il pomeriggio di lavoro è stato un momento di divulgazione e analisi sui temi e le problematicità legati alle novità della normativa, ma anche un momento di confronto con gli esperti del settore. L’obiettivo del convegno è stato quello di fornire informazioni aggiornate alle famiglie, alle associazioni, ma anche ai vari operatori del settore, di illustrare e informare sui temi della successione patrimoniale nell’ambito di famiglie con figli disabili. 

«Affrontare una tematica così importante e forte – ha sottolineato l’assessore Piva – da parte dei due Lions Club merita la nostra ammirazione perché espressione di grande sensibilità. La Legge del 'Dopo di noi' va a valorizzare l’integrazione sociale dei disabili e la loro tutela a livello economico e sociale. Una legge che può dare una svolta e questo convegno ha avuto lo scopo di essere un momento divulgativo per famiglie, cooperative e di riflessione per avvocati, commercialisti e professionisti del settore. Questo convegno è arrivato per noi in un momento importante perché stiamo provvedendo all’aggiornamento dei Piani di Zona e le varie progettualità che riguardano il settore della disabilità.»  

Tra gli obiettivi della legge 22 giugno 2016, n. 112 c’è l’esigenza di tutelare persone affette da disabilità accertata, ex legge 104/92. Destinatari della Normativa sono dunque persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare in quanto senza genitori o perché gli stessi non sono in grado di sostenere la responsabilità della loro assistenza; peraltro tale norma prevede la progressiva presa in carico già durante l’esistenza in vita dei genitori stessi. Tale legge, volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità, trova la propria ratio nell’attuazione di alcuni principi fondanti di rango costituzionale, nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

«Questa nuova occasione di collaborazione con l’Amministrazione comunale – ha evidenziato il presidente del Lions Club Treviso Europa, Carlo Sernagiotto – ha grandi finalità sociali e rientra nel DNA del Lions Club che vuole essere parte attiva all’interno di comunità sociali facendosi da traino anche con alcuni argomenti come quello oggetto del convegno che ha meritato grande attenzione». Tra gli interventi inseriti nel programma, ha partecipato anche la Regione Veneto con l’Assessore al sociale, Manuela Lanzarin. «Come Lions – ha spiegato il presidente del Club castellano, Renato Pietrobon - vogliamo offrire le risorse che abbiamo ed in questo caso alcuni professionisti che si son messi a disposizione su questo argomento. Queste risorse però sono a disposizione se c’è la collaborazione dell’Amministrazione comunale e di quanti sono aperti a questi benefici. Un argomento delicato che porta tutti ad aprire gli occhi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento