menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta alle droghe a Montebelluna: Fratelli d’Italia presenta la mozione "Sanpa"

La Capogruppo in Consiglio comunale, Lucrezia Favaro: «Serve una delega specifica dedicata al contrasto degli stupefacenti»

Un mozione presentata al prossimo Consiglio Comunale, nella quale il partito di Giorgia Meloni ha assunto una posizione netta nei confronti del fenomeno del consumo e dello spaccio di stupefacenti, risalito agli onori delle cronache dopo la pubblicazione del docufilm di Netflix “SANPA” storia della Comunità di San Patrignano. «Secondo i preoccupanti dati riportati nella Relazione al Parlamento presentata nel 2020 sul fenomeno delle tossicodipendenze in Italia, relativamente all’anno 2019, il 33,9% degli studenti italiani dichiara di aver utilizzato almeno una sostanza psicoattiva illegale nel corso della propria vita» afferma Lucrezia Favaro, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Comunale.

«Da questa emergenza nessuno è immune, purtroppo nemmeno la nostra città - aggiunge - I recenti fatti di cronaca e gli arresti eseguiti dai carabinieri nel nostro territorio ne sono la dimostrazione e le scene recentemente viste nel docufilm di Netflix “SANPA” non sono lontane dalla realtà che oggi viviamo. Anche se il fenomeno è più sotterraneo e nascosto, la sua gravità rimane intatta». Di qui l’esigenza di una mozione per far assumere alla Giunta Comunale una decisione netta volta a contrastare duramente il fenomeno del consumo e dello spaccio di stupefacenti sul territorio cittadino. 

«Siamo convinti serva uno sforzo univoco - continua Favaro - Nel corso di questi anni l’assessore di Fratelli d’Italia Claudio Borgia si è speso moltissimo nelle scuole con l’avvio di progetti educativi e di iniziative culturali rivolte alla prevenzione di questo fenomeno. Ora serve un’azione ulteriore». Fratelli d’Italia, con il pieno sostegno del sindaco Elzo Severin da sempre attento a questo fenomeno, propone dunque di approvare la costituzione di un osservatorio comunale sulle dipendenze che cooperi con le autorità sanitarie locali e l’affidamento di una delega specifica al contrasto delle dipendenze, istituendo inoltre un fondo nel bilancio comunale dedicato al contrasto ed alla prevenzione del consumo di stupefacenti. «Facciamo un passo decisivo nella lotta senza quartiere alla drogare. Penzione e repressione devono andare di pari passo e ognuno deve fare la sua parte, sull’esempio di quanto diceva proprio Vincenzo Muccioli, figura chiave nella lotta alla droga».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento