Mafie in Veneto, Liberi e Uguali contro Zaia: "Sta sottovalutando il fenomeno"

Il consigliere regionale Piero Ruzzante ha chiamato in causa il Presidente del Veneto sulla richiesta di attuare un'adeguata norma antimafia per tutelare le aziende della Regione

TREVISO "La Commissione parlamentare d’inchiesta sulle mafie ha lanciato un avvertimento chiaro, in Veneto il fenomeno delle infiltrazioni è sottovalutato. È da tempo che chiedo alla Giunta Zaia di intervenire, sto ancora aspettando risposta ad un’interrogazione che risale a settembre dell’anno scorso. Chiedo solo che la Regione faccia la sua parte, Zaia attui la normativa regionale in materia di antimafia. L’ho già chiesto, anche negli ultimi mesi con le due interrogazioni depositate dopo i colpi di fucile contro Ca’ Sana e dopo la notizia del coinvolgimento di due banchieri nelle indagini sulle infiltrazioni mafiose a Vigonza. Continuerò a chiederlo perché come diceva Grasso ancora nel 2012, quand’era procuratore nazionale antimafia nel Veneto la mafia c’è anche se non si vede e proprio per questo è più pericolosa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con queste parole il consigliere regionale Piero Ruzzante di Liberi e Uguali, in una nota diffusa nella mattinata di oggi. Il riferimento normativo è la Legge regionale 28 dicembre 2012, n. 48 “Misure per l’attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, della corruzione nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile”. «La Commissione antimafia tra l’altro si è concentrata sul fenomeno degli incendi dolosi ai danni delle ditte che operano nel settore dei rifiuti, fenomeno che ho più volte denunciato tramite atti di sindacato ispettivo. Nell’interrogazione n. 423 del settembre 2017 facevo riferimento proprio a questo: “Continuano gli incendi di probabile natura dolosa: il Presidente della Giunta regionale si è reso conto che il territorio del Veneto è a forte rischio di radicamento della criminalità organizzata di stampo mafioso?”. Sono stati 27 gli incendi ai danni di aziende di questo settore in Veneto dal 2013, un’altra ventina in altri settori come quello dei trasporti e in particolare nel Veronese. Zaia vuole continuare a sottovalutare questo problema?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Rapporto sessuale troppo focoso, 30enne si frattura il pene

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento