menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pfas e mercurio nelle acque del Veneto sono due facce della stessa medaglia"

Lo dichiara Matteo Favero, candidato del Partito Democratico alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale

TREVISO “Dall'aggiornamento della relazione sugli Pfas, presentato oggi a Montecitorio dalla Presidente Braga, si evince con chiarezza che non è ancora risolto in Veneto il problema della bonifica delle falde acquifere contaminate da PFAS (acido perfluoro alchilico) ed è necessario agire con urgenza per assicurare la piena operatività delle sorgenti pulite nelle aree interessate. Ma c’è un problema analogo, forse meno noto, nella provincia di Treviso che è dato dal pericoloso inquinamento da mercurio che interessa, secondo l’Arpav, anche le falde dei comuni di Quinto di Treviso, Paese continuando verso Casier, Preganziol e Mogliano. Diversamente dagli PFAS, la cui sorgente rappresentata dalla MITENI è ben nota, nel territorio della provincia di Treviso non si conosce l’origine da cui il mercurio contamini la falda.  Mi auguro che non si debba ripercorrere lo stesso calvario della vicenda PFAS, la Regione Veneto batta un colpo e assicuri anche a tutti i trevigiani la salubrità delle acque intercettando la fonte illegale che immette nei terreni questo pericolosissimo metallo pesante”. Lo dichiara Matteo Favero, candidato del Partito Democratico alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale interprovinciale di Castelfranco Veneto, Castello di Godego, Istrana, Loria, Morgano, Paese, Quinto di Treviso, Resana, Riese Pio X, Vedelago, Zero Branco, Martellago, Noale, Scorzè.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento