menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spacciatore condannato fugge dalla struttura di Treviso alla quale era affidato

Il governatore Luca Zaia: "Fuggito per entrare nella malvita. Ecco chi stiamo ospitando". Per il Presidente della Regione Veneto l'unica soluzione è quella di smettere di creare hub per migranti sul territorio

TREVISO “La vicenda del migrante spacciatore di Treviso, condannato due volte, mantenuto a spese pubbliche e ora latitante, è allucinante e purtroppo indicativa di ciò che intendiamo per business dell’accoglienza e incapacità di gestire i flussi dividendo i veri profughi da delinquenti venuti qui soltanto per cercare fortuna”. Il governatore Luca Zaia commenta così la vicenda del 26enne del  Gambia agli arresti domiciliari in un centro di accoglienza a Treviso, due volte condannato per spaccio a minorenni, affidato alla struttura di via Verdi in attesa di espatrio, e oggi fuggito senza lasciare traccia, “presumibilmente, anzi, certamente – aggiunge il presidente – per entrare nella rete locale del traffico di droga nella quale è stato più volte beccato dacché è arrivato nella Marca”. 

“Se è lecito tratte una conclusione da questa vicenda emblematica – dice Zaia -, dobbiamo dedurre che i cittadini italiani, anche quelli che faticano ad arrivare alla fine del mese, stanno ospitando e mantenendo loro malgrado migliaia di immigrati di cui non conosciamo la storia, il nome, le intenzioni, e cui non possiamo garantire un futuro se non quello legato alla malavita. Ma è possibile che tra la condanna e l’espulsione debbano passare giorni, utili solo a consentire la fuga all’immigrato? Possibile che una volta deciso l’espatrio, esso sia reinserito tra i migranti della struttura di accoglienza e controllato solo due volte al giorno, come impone la legge? Sembrerebbe una barzelletta, ma non fa ridere”.“La soluzione è una e una sola: smetterla di creare hub per migranti sul territorio, smetterla di accogliere tutti indiscriminatamente, ma allestire campi in Nordafrica e Medioriente come già fatto in Afghanistan, creare corridoi umanitari e ospitare solo i veri profughi respingendo i clandestini. Solo così garantiremo un sistema di accoglienza effettivo a chi ne ha diritto, e non riempiremo i nostri paesi di criminalità”, conclude Zaia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Con un cinque al Superenalotto vince 17mila euro

  • Cronaca

    Ruba un aspirapolvere, 43enne arrestata dai carabinieri

  • Meteo

    Veneto, tornano piogge e temporali: «Rischio nubifragi a metà settimana»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento