rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Politica

Marta Novello, appello a Nordio: «Mogliano e il Veneto chiedono giustizia»

Alberto Villanova, presidente dell’intergruppo Lega-Liga Veneta, è intervenuto per commentare la vicenda della giovane aggredita a coltellate la sera del 22 marzo a Marocco di Mogliano, in via Marignana, mentre stava facendo jogging. La Cassazione ha annullato la condanna a 5 anni nei confronti del minorenne autore dell'agguato

«La Giustizia deve fare seguire assolutamente il proprio corso e deve essere rispettata. Ma ci sono decisioni che i cittadini non riescono a comprendere e nel contempo le istituzioni non riescono a spiegare. La vicenda relativa all’accoltellamento di Marta Novello, avvenuto a Mogliano Veneto, colpita da un giovane che attualmente si trova a Londra senza scontare la pena, lascia tutti perplessi. Faccio pertanto appello al Ministro della Giustizia, il trevigiano Carlo Nordio affinché si interessi della vicenda e faccia svolgere tutte le indagini che sono di sua competenza in qualità di Ministro. La credibilità delle istituzioni, ad ogni livello, di fronte ai cittadini, si misura anche da vicende come queste». E’ questo il commento di Alberto Villanova, Presidente dell’intergruppo Lega-Liga Veneta, in merito alla vicenda della giovane Marta Novello di Mogliano Veneto, vittima di un fatto criminoso. «Nessuno vuole sostituirsi a chi ha il compito di giudicare le responsabilità penali di chi si accanisce con 23 coltellate su una giovane ragazza. Ma c’è una cittadina intera, quella di Mogliano Veneto, che non riesce a capacitarsi del perché un colpevole, che non ha mai smentito le sue responsabilità, si trovi a Londra presso la madre e non in prigione. Queste vicende feriscono non solo la famiglia di Marta, alla quale va tutta la mia solidarietà, ma tutti noi – prosegue il commento di Alberto Villanova, presidente dell’Intergruppo Liga – LV, in consiglio regionale del Veneto -. Il dubbio, in una società, che la Giustizia non protegga adeguatamente chi si comporta secondo regole e coscienza, non può insinuarsi tra i cittadini onesti. È una questione di credibilità delle istituzioni oltreché di senso civico. E nessuno meglio del Ministro Carlo Nordio, figlio della nostra terra e profondo conoscitore del Diritto, può aiutarci a capire e comprendere» conclude il presidente Alberto Villanova.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marta Novello, appello a Nordio: «Mogliano e il Veneto chiedono giustizia»

TrevisoToday è in caricamento