menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Popolari Venete: “Buttati altri otto mesi, interventi immediati per i truffati”

Raffaele Baratto, deputato trevigiano di Forza Italia, ha accusato il Governo in aula alla Camera

MONTEBELLUNA Una vera e propria j’accuse quella che Raffaele Baratto deputato trevigiano di Forza Italia ha condotto oggi in aula alla Camera, presentando un ordine del giorno al decreto mille proroghe, dal quale in molti, specialmente tra le associazioni di azionisti di Veneto Banca e Popolare di Vicenza si aspettavano soluzioni concrete. Invece nulla, il così detto Fondo Baretta non è stato ancora azionato e il governo non sembra intenzionato a farlo. Baratto ed altri azzurri hanno così sottoscritto un Odg contente una precisa indicazione ai banchi del governo “rafforzare gli strumenti di tutela degli investitori coinvolti nella crisi bancaria e che versano in condizioni di indigenza o comunque di vulnerabilità economica […] considerando in ogni caso il diritto all’integrale rimborso”

Tradotto interveniamo subito per aiutare i risparmiatori con le risorse che sono disponibili e continuiamo a reperirne per garantire nel più breve tempo possibile l’integrale ristoro. E Baratto ha voluto intervenire personalmente in aula ed ha strigliato il governo. “Constatiamo, e lo devo dire con amarezza, che nulla in otto mesi dall’approvazione della legge di bilancio, è stato fatto per quantomeno iniziare a dare ossigeno ad un territorio e ad una comunità che finora ha solo dato.  Il tempo delle discussioni, delle riflessioni, è finito da un pezzo. Forse, permettetemi di dirlo non c’è mai stato. Il Veneto da mesi vive un’emergenza sociale che il pudore della nostra gente, dignitosa e onesta fino al midollo impedisce di apprezzare nella sua tragicità. “A rischio” ha precisato Baratto “non ci sono soltanto i risparmi, la ricchezza di un tempo, ma i posti di lavoro dei nostri figli. E’ il futuro del nostro territorio ad essere in disccusione. Per questo, senza alcuna polemica, oggi, qui, in quest’aula non da onorevole, ma da Veneto, da trevigiano, da cittadino vi dico, basta promesse, basta parole: agiamo, insieme e subito.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento