Indipendenza Veneta attacca Zaia: «Dimettiti, hai fatto gli interessi di Salvini»

L'avvocato Alessio Morosin, leader del Partito dei Veneti, lancia un durissimo attacco al Governatore del Veneto sulla questione dell'autonomia regionale.

Alessio Morosin

«Zaia non è stato in grado di garantire il rispetto del voto del 22 ottobre di due anni fa. Si dimetta!» Sempre più duro l’avvocato Alessio Morosin, fondatore di Indipendenza Veneta e ora del Partito dei Veneti.

«Bisogna che tutti interveniamo con durezza – annuncia Morosin - Boccia, cioè il Governo italiano, prende in giro i Veneti. Qui si sta solo guadagnando tempo e il rinvio è sine die. Un fallimento totale. Una vergogna. Dobbiamo capire – tuona – che questi si stanno coprendo vicendevolmente, Zaia in vista delle Regionali 2020 e Boccia per salvare il Governo. Una violenza politica a danno e spese dei veneti. Mi spiace dirlo ma Zaia ha sprecato due anni di tempo. Come denunciato anche dal suo capodelegazione professore Mario Bertolissi, ha assecondato i bisogni di Salvini al fine di ottenere i voti al Sud non realizzando l'obiettivo dell'autonomia quando era al governo. Questo è il solo triste e ignobile risultato che abbiamo avuto» conclude l'avvocato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento