menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rocco (PD): "Il fondo per rimpatri pagato dai migranti dovrebbe diventare legge"

Il consigliere comunale trevigiano del Partito Democratico coglie la proposta di destinare in un fondo parte dei 2,5 euro che vengono dati giornalmente ai migranti

TREVISO «Ho letto con interesse la proposta di chi lavora nel mondo dell’accoglienza, di creare un fondo per non far gravare i rimpatri dei migranti sulle casse dello Stato attingendo tali risorse dal pocket money, i 2,5 euro che vengono erogati agli stranieri in attesa di una forma di protezione. I gestori hanno lanciato l’idea di un accordo con sindacati e istituti di credito. L’ipotesi apprezzabile sarebbe su base volontaria, a mio avviso deve diventare Legge dello Stato». A dichiararlo è il consigliere comunale trevigiano Nicolò Rocco.

Nelle scorse settimane si aperto un dibattito sulla seconda fase dell’immigrazione, quella che comincia un secondo dopo l’accoglienza o il diniego dell’istanza di una qualche forma di protezione. «Sappiamo anche quanto costosi siano i rimpatri nei Paesi d’origine per le casse dello Stato – prosegue il democratico - destinare una quota dei 2,5 euro, che vengono dati in mano ai migranti, ad un fondo che garantisca sia il richiedente asilo che la collettività va nella direzione di un’accoglienza più efficiente ed equa. Se l’istanza venisse negata il rimpatrio non impatterebbe ulteriormente a livello economico, se l’istanza fosse accolta ci sarebbe già un piccolo fondo per iniziare a garantire una prima forma di sussistenza»

Il capitolato di riferimento in materia è disciplinato dal Decreto Ministeriale del 21 novembre 2008 emanato dal Ministero dell’Interno. «Credo che i riferimenti politici del territorio trevigiano debbano cogliere questa proposta e impegnarsi per dare una svolta sui temi dell’immigrazione. Il disgusto per gli scontri fra estremisti a Roma e il fallimento delle manifestazioni partitiche contro l’accoglienza testimoniano che la cittadinanza è stanca di proclami ideologici e si attende risposte concrete» conclude Rocco. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento