La Nostra Famiglia, il caso in Regione: «Vanno tutelati i diritti dei lavoratori»

Francesca Zottis, prima firmataria dell’interrogazione presentata in Regione, si schiera a fianco dei lavoratori dell'associazione chiedendo per loro più tutele e diritti

Partito Democratico a fianco di sindacati e lavoratori dell’associazione ‘La Nostra Famiglia’ dopo la comunicazione della proprietà di uscire in modo unilaterale dal contratto in essere (Aris-Aiop Sanità privata).

«Stiamo parlando di migliaia di persone che operano nei centri di riabilitazione per disabili, 450 solo in Veneto in sette strutture (Treviso, Conegliano, Oderzo, Pieve di Soligo; San Donà di Piave; Padova; Vicenza) e che vedrebbero peggiorare le proprie condizioni in termini di orario e di retribuzione - commenta Francesca Zottis, prima firmataria dell’interrogazione dem - È una scelta inaccettabile che chiama in causa la Giunta Zaia: stiamo parlando di un soggetto accreditato, che giustifica la propria decisione con i mancati adeguamenti tariffari da parte della Regione. Ai dipendenti, che aspettavano da oltre 12 anni il doveroso rinnovo, si risponde con il passaggio al contratto collettivo Aris-Rsa, assai più svantaggioso». Secondo quanto denunciato dai sindacati, infatti, ci sarebbe un aumento di ore settimanali da 36 a 38 a parità di salario, oltre a un peggioramento delle condizioni per il recupero degli arretrati e di quelle retributive. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le difficoltà lamentate dalla proprietà non possono essere interamente scaricate sui lavoratori, disdettando un contratto in essere e violando quindi i diritti acquisiti» aggiunge Zottis. I sindacati, oltre ad aver proclamato lo stato di agitazione, hanno chiesto un incontro urgente con Zaia e l’assessore Lanzarin per fare chiarezza, sollecitata anche nell'interrogazione del Partito Democratico, mentre le famiglie dei bambini che frequentano i centri di riabilitazione si sono mobilitate con una petizione online: «Dobbiamo tutelare i dipendenti da un lato e dall'altro non possiamo permettere che vengano messi a repentaglio servizi essenziali, di qualità e radicati da anni nel territorio - sottolinea ancora Zottis -  Si tratta di realtà che hanno un loro valore sociale e culturale. Certi comportamenti sono inammissibili, a maggior ragione se il responsabile è un soggetto accreditato: la Regione intervenga immediatamente e concretamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento