Parco Tematico a Casale sul Sile: approvato il Piano urbanistico

Investimento privato da 200 milioni di euro. Previsti dai 1000 ai 1500 nuovi posti di lavoro nel giro di due anni e una possibile entrata per il Comune di circa 5 milioni di euro

Dopo oltre 20 anni di proposte e tentativi falliti, il Comune di Casale sul Sile ha posato la prima pietra per lo sviluppo concreto dell’area Parco Tematico. Nella seduta di giovedì 30 aprile, la Giunta comunale ha infatti adottato all’unanimità il Piano urbanistico attuativo relativo alla nota area commerciale che sorgerà tra le due aree industriali di Quarto d'Altino a est e di via Colombo e via King a ovest.

Il sindaco Stefano Giuliato commenta l'annuncio con queste parole: «Le ragioni della scelta sono innanzitutto nei numeri del piano: si parla di un investimento privato di 200 milioni di euro che si prevede porterà alla creazione di 1000/1500 posti di lavoro nel giro di due anni e una previsione di entrata per il Comune di circa 5 milioni di euro. Un’impennata significativa, dunque, di risorse economiche che il Comune potrà destinare a grandi progetti e interventi importanti sulle infrastrutture del territorio. Questo senza contare poi le opportunità di sviluppo e di crescita che un investimento di questa portata offrirà a tutte le attività imprenditoriali locali, così drammaticamente colpite dall’emergenza sanitaria in atto e dal lock-downimposto dalle autorità nazionali. Inoltre - continua Giuliato - l’amministrazione comunale punta alla infrastrutturazione dell’area “Parco Tematico” anche per dare soluzione alle annose problematiche relative alla mobilità degli insediamenti produttivi delle vicine aree industriali di via Colombo e via King. Il Piano adottato prevede, infatti, un collegamento diretto dell’ambito in questione con lo svincolo del Passante di Mestre posto dal lato sud-est.

Con l’adozione del piano è stato fatto un primo passo e molto dipenderà dai pareri degli altri enti – spiega il Sindaco Giuliato – ma avevamo il dovere di ribadire la nostra ferma volontà di dare sviluppo all’area e di rilanciare così l’economia del nostro paese. Il momento di forte drammaticità che stiamo vivendo, pieno di incertezze e preoccupazioni non solo per la salute ma anche per il futuro della nostra economia, ci impone oggi più di prima come Amministrazione di impegnarci con ancora più coraggio e dedizione per dare un’opportunità di sviluppo al nostro territorio, per muovere l’economia e creare posti di lavori. Questa per noi è una priorità e per questo abbiamo deciso di andare avanti con questo procedimento. I posti di lavoro non bisogna prometterli ma bisogna crearli»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento