Molino Bertolo, Rubinato porta il caso in Parlamento

La deputata del Pd ha depositato alla Camera un'interrogazione per sbloccare la situazione di una ditta attiva sul territorio dal 1700

L'onorevole pd, Simonetta Rubinato

PEDEROBBA- La deputata del Partito Democratico Simonetta Rubinato, ha deciso di prendere in mano la delicata questione del molino Bertolo di Pederobba. Un caso iniziato ormai nel lontano 2007, quando la ditta aveva chiesto la possibilità di usare alcuni contributi statali per la realizzazione di una nuova centralina elettrica. Soldi che fino ad oggi non sono ancora arrivati e proprio per questo l'onorevole del pd ha deciso di depositare alla Camera dei deputati un'interrogazione in cui chiede al ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, quali iniziative intenda intraprendere per sbloccare una situazione che rischia ora di compromettere l'attività dell'intera ditta.

Il molino Bertolo è una delle realtà storiche più importanti nella provincia di Treviso ed è presente sul territorio addirittura dai primi anni del 1700. Per realizzare la centralina, la ditta ha sborsato all'epoca diverse migliaia di Euro per oneri burocratici, in un investimento che ha superato la cifra di 200 mila Euro in totale. Quello che i titolari si aspettavano dallo Stato era un piccolo contributo economico per coprire almeno in parte i notevoli costi della bolletta elettrica (che sono di quasi 15 mila Euro al mese). Ora, senza il finanziamento statale mai partito da Roma, la società si trova in una difficile situazione economica che potrebbe costringerla a chiudere i battenti dopo innumerevoli anni di onesto lavoro.

"Dopo aver atteso sei anni per avere tutte le autorizzazioni necessarie alla realizzazione della centralina, i titolari della ditta si sono visti respingere la richiesta di accesso agli incentivi. Con la motivazione che ci sono dei dubbi sulla concessione in capo a Bertolo, nonostante la ditta abbia sempre continuato a versare regolarmente i canoni demaniali". Ha spiegato la parlamentare trevigiana, che ha poi concluso con queste parole: "Vicende come questa dimostrano come le lungaggini burocratiche finiscano per disincentivare le imprese nei confronti delle energie rinnovabili e rendano vano l'intento del legislatore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento