menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Freda lungo la ciclabile

Freda lungo la ciclabile

Pista ciclabile Santrovaso-Le Grazie: Impegno Comune incalza il sindaco

Il consigliere comunale Freda: «L’opera non è ancora stata conclusa nonostante la fine dei lavori fosse prevista per il 27 febbraio 2020»

«La Giunta Galeano nel 2018 ha varato la costruzione della pista ciclabile che unirà la frazione di Santrovaso alla località Le Grazie di Preganziol, ma l’opera non è ancora stata conclusa nonostante la fine dei lavori fosse prevista per il 27 febbraio 2020». A dirlo sono i consiglieri di opposizione Raffaele Freda e Simonetta Trabucco della civica di centrodestra Impegno Comune.

Sul punto interviene Freda, capogruppo della minoranza di centrodestra: «La pista manca dell’illuminazione e di una parte di asfaltatura ma nel frattempo i cittadini la utilizzano lo stesso per svolgere delle passeggiate, tuttavia non tutti gli utenti si sono dimostrati abbastanza civili e quindi già si possono notare i rifiuti abbandonati ai bordi della pista, nei cestini presenti e le numerose deiezioni canine non raccolte. La fine dei lavori era prevista prima che scattasse il lockdown e comunque poi i lavori pubblici sono ripresi ma la pista non vede ancora la luce. L’opera peraltro trova la sua funzione nel successivo collegamento, non ancora nemmeno iniziato, tra Le Grazie ed il capoluogo Preganziol al fine di creare un collegamento pedonale tra Santrovaso e Preganziol. Dato il malcontento manifestato da diversi cittadini abbiamo deciso di presentare un’interrogazione per chiedere quali siano i motivi del ritardo e se l’amministrazione sia consapevole del fatto che il passaggio è già utilizzato dai cittadini, con conseguenti episodi di degrado legati alla maleducazione di pochi che pregiudica l’utilizzo da parte dei cittadini per bene».

Sulla stessa linea d’onda la consigliera Simonetta Trabucco, la quale, sugli episodi di inciviltà, precisa: «L’accesso sarebbe vietato ma vista la situazione di reclusione entro i confini comunali è comprensibile che i cittadini usufruiscano della passeggiata. Tuttavia alcuni hanno abbandonato dei rifiuti e le deiezioni dei cani, quindi abbiamo domandato anche se, una volta ultimata l’opera, saranno installati dei sistemi per controllare che la pista venga utilizzata in sicurezza e nel rispetto del vivere comune».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento