rotate-mobile
Politica Preganziol

Niente fondi Pnrr a Villa Franchetti, Marcon: «Gravissimo accusare gli Uffici della Provincia»

Il presidente della Provincia ribatte alle polemiche del sindaco Galeano e della consigliera Tocchetto: «Non me lo sarei mai aspettato, mi ha molto deluso, tanto più da chi conosce bene la macchina»

Nei giorni scorsi, nell'ambito dei fondi del Pnrr nazionale, sono stati approvati i finanziamenti richiesti per il Parco di Villa Passi (1,8 milioni di euro), Villa Longobardi a Mogliano (368.321 euro) e il giardino storico della villa di Maser a cui sono andati 1,9 milioni. Nemmeno un euro, invece, per il progetto della Provincia su Villa Franchetti di Preganziol. Una batosta che ha portato il sindaco Galeano e la consigliera comunale a Treviso Tocchetto a scagliarsi contro la Provincia.

Il presidente dell'ente provinciale, Stefano Marcon, è però subito intervenuto sul punto: “Quanto ho letto sui giornali è gravissimo. Gravissimo è accusare gli uffici di aver sottovalutato il progetto, gravissimo è accusare di aver sbagliato le procedure, gravissimo è mettere anche solamente in dubbio che gli uffici della Provincia di Treviso, un ente che negli ultimi anni è stato in grado di portare a casa più finanziamenti di qualsiasi altra Provincia specie in strade e scuole, non abbiano lavorato in maniera esemplare – esordisce Stefano Marcon – Non me lo sarei mai aspettato, mi ha molto deluso, tanto più da chi conosce bene la macchina, ci lavora tutti i giorni e ha usufruito dei nostri servizi. Il progetto è stato presentato con tutti i crismi e io ho la totale fiducia in quello che è stato presentato, che io stesso ho visionato".

"Se poi alcuni amministratori locali, in virtù del loro essere “opposizione” al sottoscritto, si permettono di dire il contrario, si prendono le loro responsabilità. Tra i criteri del bando c’era un punteggio molto alto che premiava lo “sfruttamento economico” del Parco, lì abbiamo perso qualche punto in graduatoria perché abbiamo preferito mantenere Villa Franchetti un bene pubblico – prosegue Marcon – Se gli stessi accusatori preferivano farci un Centro Commerciale o un Parco Divertimenti, bastava dirlo prima! Insomma, anche questa volta, c’è qualcuno che ha parlato senza sapere di cosa parlava, col dolo di aver accusato ingiustamente i dipendenti che sono ineccepibili. Il bando aveva una disponibilità limitata e a quanto visto in graduatoria, ha premiato per l’80% strutture private, che evidentemente hanno altri interessi rispetto ai nostri – chiude Marcon – Ci auguriamo che la graduatoria sia rifinanziata e si scorra fino ai nostri due progetti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente fondi Pnrr a Villa Franchetti, Marcon: «Gravissimo accusare gli Uffici della Provincia»

TrevisoToday è in caricamento