Polemica sul rientro a scuola: «Famiglie e insegnanti devono acquistare le mascherine»

Marina Marchetto Aliprandi, candidata per Fratelli d’Italia alle elezioni regionali: «Le forniture tanto sbandierate dal Governo nei giorni scorsi sono, evidentemente, mera propaganda»

Uno studente con la mascherina

«Alla vigilia del primo giorno di scuola il Governo continua a fare propaganda ma la realtà smaschera l’inadeguatezza di Azzolina e Conte». Marina Marchetto Aliprandi, candidata per Fratelli d’Italia alle elezioni regionali, raccoglie la denuncia di diversi genitori della provincia di Treviso e, in particolare, quella dei genitori gli alunni che lunedì inizieranno l’anno scolastico alla scuola primaria nell’opitergino.

«Le famiglie dei bambini, così come le docenti e i docenti, hanno dovuto e dovranno provvedere ad acquistare autonomamente la mascherina protettiva - sottolinea Marchetto Aliprandi - Le forniture tanto sbandierate dal governo nei giorni scorsi sono, evidentemente, mera propaganda. Alle difficoltà oggettive cui insegnanti e studenti devono andare incontro, si aggiunge un elemento di criticità che pesa nell’organizzazione e nei costi che le famiglie devono sostenere. È una cosa inaccettabile. Mi chiedo: ma la ministra Azzolina, che solo poche ore fa ha affermato che “noi siamo l’unico Paese al mondo a consegnare le mascherine ai ragazzi”, dove vive?».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Medesimo pensiero anche di una mamma delle scuole Stefanini di Treviso che ci scrive quanto segue: «Se la normativa prevede che le mascherine debbano essere consegnate dalla scuola perché dobbiamo procurarle noi genitori? Pur capendo i ritardi dovuti ad una situazione difficile, può la nostra Dirigenza scolastica pretendere, a nostre spese, esclusivamente la mascherina chirurgica monouso e non accettare la mascherina chirurgica lavabile? Io ho due filgi e quindi per me così vuol dire 1 € al giorno finché non arrivano, senza contare la quantità di secco che si produrrà...sempre che ai bimbi delle elementari non cada per terra o non la rompano dovendo procurare così più mascherine al giorno. Non sarebbe quindi meglio puntare sulla "mascherina di comunità"?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento