Montebelluna, problema sicurezza e baby gang: il Comune risponde alla Puppato

Gli assessori Borgia e Gobbo: «L’ex sindaco parla di presunte carenze dell’Amministrazione nell’ambito del sociale e famiglia, accusandoci di aver smantellato il sociale ed interrotto i rapporti con le scuole, ma è chiaro che non sa cosa sta parlando»

Laura Puppato

«In relazione alle ultime dichiarazioni rilasciate da Laura Puppato, esponente del Partito Democratico, con tutta evidenza non sa di cosa sta parlando. L’ex sindaco stabilisce infatti un collegamento tra il fenomeno recentissimo delle baby gang, diffusosi anche a livello nazionale, con presunte carenze dell’Amministrazione nell’ambito del sociale e famiglia, accusando il Comune di aver smantellato il sociale ed interrotto i rapporti con le scuole. La Puppato non sa però di cosa parla». A dirlo sono due assessori di Montebelluna, Claudio Borgia e Elisa Gobbo.

Sul punto è intervenuto anche l’assessore al Sociale, Antonio Romeo: «Quanto è stato fatto in ambito sociale in questi anni di amministrazione Favero è sotto gli occhi di tutti. Mi spiace molto che l’ex sindaco Puppato non riconosca quello che tutti riconoscono all’attuale sindaco e alla sua giunta rispetto alle azioni promosse sia in ambito sociale, che nelle politiche giovanili e familiari. Queste sue esternazioni, purtroppo, non le fanno per niente onore e sembrano essere più indice di chi nutre rabbia e risentimento nei confronti di chi l’ha succeduta e che pure è riuscito a mettere in campo azioni efficaci e trasversali. Spiace tanto più anche perché il sindaco Favero non ha mai criticato le politiche sociali dell’amministrazione Puppato mantenendo inalterate le risorse destinate a questo settore».

Così, invece, l’assessore all’Istruzione e alla Politiche familiari, Claudio Borgia: «Mai come l’Amministrazione attuale si è lavorato sulla prevenzione con gli adolescenti in età scolare. Ricordo che quando mi è stato affidato l’incarico di assessore non c’era alcune capitolo dedicato a questa voce che è stata introdotta specificatamente solo qualche anno fa. Rientrano tra le iniziative portate avanti, i cicli formativi promossi in collaborazione con l’istituto comprensivo e rivolto alle classi della scuola secondaria di primo grado. Incontri curati da formatori professionisti che toccano i temi delle abilità professionali, delle dipendenze, intense come prevenzione all’uso di stupefacenti e all’abuso di alcol, e sul bullismo. Su questi temi sono stati organizzati anche incontri pubblici con testimonial di livello nazionale e sul bullismo anche un concorso per sensibilizzare ed invitare i ragazzi a riflettere. Per questi progetti ogni anno il Comune stanzia circa 15 mila euro. Ricordo anche che da qualche anno è stata istituita la "Giornata delle legalità" rivolta ai ragazzi delle superiori durante la quale viene proiettato un film sulla mafia ed invitati esperti e testimonial, come il magistrato Carlo Nordio o il Procuratore Capo della Repubblica, Dalla Riva. Oltre a queste attività rivolte ai ragazzi, da quest’anno abbiamo anche inaugurato un percorso formativo con un ciclo di incontri con esperti a livello regionale rivolti ai genitori e mirati a dar loro gli strumenti per meglio approcciarsi ai propri figli durante la crescita. Pertanto, non accetto lezioni dall’ex sindaco Puppato che, tra l’altro, appartiene ad un partito, il PD, che anziché promuovere la prevenzione ha tra i suoi componenti alcuni che vorrebbero la legalizzazione delle droghe. Infine, quanto al fatto che la mia presenza sarebbe invisibile, direi sia la forma che la sostanza smentiscono completamente questa esternazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, queste le dichiarazioni dell’assessore alle politiche giovanili, Elisa Gobbo: «Da diverso tempo questa Amministrazione sta investendo in progetti rivolti alle giovani generazioni. Si tratta di progettualità avviate dapprima nell’ambito montebellunese ma che, data la bontà della proposta, da due anni sono stati estesi a tutti e 29 i Comuni dell’ex Ulss 8, e che vedono Montebelluna come capofila. Per queste attività nel corso delle prime due edizioni sono stati ottenuti circa investiti circa 200mila euro, di cui 160mila euro circa finanziati dalla Regione e 40mila euro circa cofinanziati da Ulss 2 e Comuni. Rientrano in queste iniziative che ogni anno richiamano centinaia di ragazzi il progetto Aziendaperta XL per avvicinare e far scoprire le aziende ai giovani, con l’obiettivo di orientare e far emergere competenze rilevanti per il nostro tessuto economico; "GetUp! Io a scuola (non) ci vado!” per conoscere e affiancare i minori a rischio dispersione scolastica, per rinforzare i fattori protettivi e prevenire le forme di disagio, che minano il loro benessere nella transizione di vita scuola/formazione/lavoro; Labò pensato per costruire e offrire opportunità ed esperienze laboratoriali, dove sperimentare e far crescere passioni, capacità e competenze. Infine, una precisazione tecnica, in ordine alla chiusura del Centro giovani in città: esso aveva chiuso il suo percorso ancora prima dell’amministrazione Favero e cioè con l’Amministrazione Puppato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

  • Focolaio dopo la festa di matrimonio, 22 positivi al Covid-19

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento