Ponte di Piave, il sindaco conferisce le nuove deleghe ai consiglieri comunali

Paola Roma: «I consiglieri delegati coadiuveranno sindaco e assessori di reparto nell’esame e nello studio di argomenti e problemi specifici, fornendo osservazioni e proposte»

Nel corso della seduta di insediamento del nuovo Consiglio comunale di Ponte di Piave, nel giugno 2019, il sindaco Paola Roma aveva annunciato l’intenzione di conferire particolari deleghe ai Consiglieri comunali e che per tanto ci sarebbe stata la necessità di approvare una revisione dello Statuto comunale all’interno del quale prevedere tale istituto. Il nuovo Statuto Comunale, approvato con deliberazione consiliare n. 29 in data 27 dicembre 2019, prevede ora che il sindaco “ha la facoltà di attribuire deleghe a consiglieri comunali per lo svolgimento di compiti collaborativi, che non comportino l'adozione di atti a rilevanza esterna, su particolari materie o affari di competenza degli amministratori o per l'espletamento di compiti di rappresentanza”. «Ho ritenuto opportuno – ha dichiarato il sindaco Paola Roma - avvalermi di tale facoltà. Con il conferimento delle nomine, i consiglieri delegati coadiuveranno sindaco e assessori di reparto nell’esame e nello studio di argomenti e problemi specifici, fornendo osservazioni e proposte».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nello specifico le deleghe sono state così conferite: al capogruppo Fabio Buriola delega al commercio, artigianato locale, industria, identità e tradizioni del territorio; al consigliere Sergio Lorenzon delega alle politiche agricole, alimentari, allevamento, turismo, prodotti a km 0; al consigliere Sante Morici delega ai rapporti con le associazioni di volontariatao e del Terzo Settore, AVIS e AIDO e al consigliere Mattia Marchetto delega alle politiche giovanili. «Ricordo anche – continua Roma – che ai consiglieri delegati non è dovuto alcun compenso e non si configurano quindi ulteriori oneri per il Comune, poiché percepiscono esclusivamente il gettone di presenza spettante per legge ai consiglieri comunali per la partecipazione alle sedute del Consiglio. Ringrazio infine i consiglieri Buriola, Lorenzon, Morici e Marchetto per aver accettato le deleghe, auguro loro buon lavoro e sono certa che il loro impegno, grazie alle specifiche conoscenze e competenze, sarà a disposizione dell’intera comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Vedelago, travolta e uccisa da un'auto di fronte al marito

  • I 6 piatti trevigiani che non possono mancare sulle tavole d'autunno

  • Auto sbanda e si ribalta, conducente in ospedale: è gravissima

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento