Senza fissa dimora, Lanzarin: «Spesi 4,6 milioni di euro per senza tetto e indigenti»

L'assessore regionale alla Sanità e al Sociale: «Davanti ad una vita umana, uccisa dalla povertà e dal gelo, serve rispetto. Ma anche verità»

«Davanti ad una vita umana, uccisa dalla povertà e dal gelo, serve rispetto. Ma anche verità. La Regione Veneto non si è dimenticata dei senza tetto: nel triennio 2018-2020, grazie al piano regionale di contrasto alle povertà, ha assegnato oltre 4,6 milioni di euro alle iniziative dei comuni e del terzo settore a favore delle persone in condizioni di povertà estrema, senza una dimora». Manuela Lanzarin, assessore regionale alla Sanità e al Sociale, interviene così in merito alle critiche sollevate dall’opposizione consiliare a seguito della morte a Verona, nei giardini di Porta Vescovo, di Kofie Boateng, il senzatetto di 39 anni ucciso dal freddo delle notti di dicembre all’addiaccio.

«E’ triste dover prendere la parola in queste circostanze nella quali prevalgono sentimenti di dolore, impotenza e umana solidarietà – prosegue l’assessore – ma sarebbe ingiusto tacere e lasciare campo libero alla falsa convinzione che istituzioni e servizi siano indifferenti verso i drammi della povertà, in particolare quella più estrema». «In Veneto, con il piano regionale di contrasto alle povertà, questa amministrazione ha messo a sistema per i senza fissa dimora fondi pubblici per complessivi 4.637.300 nel triennio 2018-2020 – precisa Manuela Lanzarin -  Da gennaio 2018 con il progetto DOM. Veneto (programma Avviso 4) la Regione si è fatta capofila di un programma che coinvolge come partner i sei comuni capoluogo di Venezia, Padova, Vicenza, Verona, Treviso e Rovigo che registrano presenze di homeless e che ha una dote finanziaria di 3.310.700 euro. Inoltre, la Regione ha destinato ai 15 ambiti territoriali (ex Ulss) la quota del fondo nazionale lotta alla riservata ai senza dimora pari a circa 1.326.600 euro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questi programmi – fa presente l’assessore - si integrano con le azioni in tema di alloggi di edilizia residenziale pubblica avviate a valere sul programma Operativo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR FESR) 2014-2020, e con le politiche regionali di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, quali il Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA) e il Reddito di Inclusione Attiva (RIA). Pertanto, dire che la Regione non fa nulla per i senza fissa dimora è quantomeno ingeneroso, nonché offensivo per tutti coloro che, nelle istituzioni e nei servizi, operano in stretta collaborazione con associazioni e volontari per offrire dignità e opportunità a queste persone così fragili e sfortunate, spesso refrattarie a forme di aiuto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento