menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso profughi a Treviso, Sel: "Basta con la demagogia"

Sinistra Ecologia e Libertà punta il dito contro la Lega Nord, accusandola di alimentare la polemica sui 40 esuli per ricquistare consensi

TREVISO - Nella polemica che sta tenendo banco a Treviso nelle ultime settimane si inserisce anche Sel, che punta il dito contro la propaganda anti-profughi della Lega trevigiana.

"Può una provincia di 900 mila abitanti entrare in crisi per l’arrivo di 40 profughi ai quali dare un letto? - si chiede Sel - Evidentemente no. Se li si volesse distribuire sul territorio, uno per comune, non basterebbero a coprire neanche la metà dei comuni trevigiani".

Secondo gli esponenti trevigiani di Sinistra Ecologia e Libertà, l'importanza data alla questione "in sé minima", "dimostra l’atteggiamento ancora poco sereno, quasi al limite della fobia, rispetto all’immigrazione che ancora domina dalle nostre parti".

"Non esiste nella realtà alcun problema vero, reale e concreto nell'ospitare questi profughi. Nessun costo a carico della collettività trevigiana, nessun lavoro da "'derubare' ai veneti. Solo pura e mera speculazione elettorale sulla pelle di poveri cristi - ribadisce Sel - Il caso dunque è tutto politico: la Lega punta a riacquisire il consenso che ha perso rispolverando il cavallo di battaglia del 'dagli allo straniero!'. Quel cavallo di battaglia che ha consentito a quel partito di costruire una macchina da soldi da investire in Tanzania, o in Albania per l’acquisto di lauree ai parenti e collaboratori del sovrano dei popoli del Nord".

"Non ci sono risorse sottratte al territorio o agli enti locali per destinarli all’accoglienza temporanea dei 40 profughi - sottolinea la segreteria provinciale del partito - E’ quindi demagogico contrapporre la situazione di disagio che vivono tanti trevigiani all’emergenza alla quale il Ministero dell’Interno, non sappiamo a dire il vero con quale strategia complessiva, ha scelto di rispondere distribuendo sul territorio nazionale gli immigrati scampati al naufragio. La sofferenza sociale che vive gran parte del paese non è causata da chi si imbarca su un gommone e, se non finisce in fondo al mare, spera di trovare una vita migliore e sfuggire a guerre, persecuzioni e povertà, ma da scelte politiche sbagliate portate avanti dai governi nazionali e dall’Unione Europea".

"La Lega ricorda certamente l’arrivo dei profughi dalla Libia mandati dall’allora ministro dell’Interno Maroni, e quindi sa perfettamente di condurre una battaglia puramente propagandistica, fomentando paure e ostilità che non hanno alcuna base reale. In questo degna alleata del Front National della figlia di Le Pen - conclude Sel - al quale è riuscita la successione dinastica che la magistratura ha reso impossibile al nostro Bossi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Zona gialla dal 26 aprile, Confcommercio: «Grande iniezione di fiducia»

  • Incidenti stradali

    Scontro in A4 tra due tir e un'auto: morto sul colpo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento