Pronto Soccorso di Monastier: «Sanità privata, business esploso in vent'anni di Lega»

A parlare sono Michele Seno (Articolo Uno) e Piero Ruzzante (Veneto 2020 - Liberi e Uguali)

«Con la scelta di attivare un pronto soccorso all'interno della casa di cura privata di Monastier, la Lega al governo della regione manda un messaggio forte e chiaro: non ci sono limiti alla privatizzazione della sanità. Perfino il pronto soccorso, la forma primaria di assistenza sanitaria, può essere consegnato ai privati. Il fatto che non si tratti del primo caso in Veneto, come ha ricordato il presidente Zaia qualche giorno fa, non è una attenuante bensì un'aggravante». Così Piero Ruzzante che nelle scorse ore, assieme alle altre consigliere regionali del coordinamento Veneto 2020, Patrizia Bartelle e Cristina Guarda, ha depositato un'interpellanza in cui chiede alla Giunta Zaia, senza giri di parole, se abbia intenzione di dare vita ad una privatizzazione generalizzata dei pronto soccorso del Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento di Michele Seno, segretario provinciale di Articolo Uno di Treviso: «La decisione di dar vita tra qualche settimana ad un presidio privato presso la clinica convenzionata di Monastier per i codici bianco e verde di Pronto Soccorso è di una gravità inaudita in quanto porta la primaria forma di assistenza sanitaria sancita dalla Costituzione alla mercè di logiche imprenditoriali. Che fine ha fatto la distribuzione territoriale della medicina? Perché non sono state favorite e non si è dato risposta alla richieste dei medici di base? Quella era la vera risposta per decongestionare  i Pronto Soccorso. In quel progetto il medico di primo intervento aveva una conoscenza maggiore del paziente rispetto a quella che può avere una clinica che opera in un contesto di competizione e di business».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento