Proteste contro Zaia, Villanova: «Solidali con il nostro presidente»

La replica al gruppo che venerdì ha manifestato il proprio dissenso contro il presidente del Veneto, accusato di essere un servitore dello Stato italiano. Solidarietà anche dal PD Veneto

La protesta di fronte a casa del Governatore

«Dopo un disadattato che ha avuto la sciagurata idea di andare a minacciare il nostro governatore sotto casa sua per poi condividere tutto sui social, mancava il manipolo con le tesi lunari sul virus. Il Veneto un giorno sarà autonomo e libero, speriamo anche dai bauchi di turno». Commenta con queste parole il capogruppo di Lista Zaia, Alberto Villlanova, la manifestazione di uno sparuto gruppo contro il Presidente accusato di essere un servitore dello Stato italiano.

«Ci vuole tutta per sostenere che l’unico Presidente di Regione che ha avuto il coraggio di iniziare un braccio di ferro con Roma sull’Autonomia, sia un servo dello Stato italiano. Forse costoro dimenticano che l’unica Regione che è stata aperta così a lungo e’ stata la nostra, e grazie al coraggio e alla lungimiranza di Luca Zaia. C’è modo e modo, comunque, di manifestare il proprio dissenso; la nostra bandiera porta una parola molto importante, che è “pace”: chi si professa dalla parte di San Marco, dovrebbe ricordarlo bene prima di inscenare queste pagliacciate»: chiude Villanova.

«Esprimiamo la nostra solidarietà al presidente Zaia per le vili ed inaccettabili azioni intimidatorie che sono state rese pubbliche in queste ore. Serve la massima inflessibilità per contrastarle, individuare i responsabili e mettere immediatamente fine all’avvelenamento di un clima già pesantissimo, legato ai dolori e alle mille incertezze causate dalla pandemia». A dirlo, a nome dei consiglieri regionali del PD Veneto, il capogruppo Giacomo Possamai. «Serve il consolidamento di un fronte democratico, istituzionale e sociale, pur nella legittimità e nella diversità delle posizioni. Invadere lo spazio privato, segnalando il domicilio di una figura pubblicamente esposta, è un atto di gravità assoluta, che va condannato con assoluta fermezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento