menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Comune chiede l'Ici del 2008, la Provincia rifiuta di pagarla

Diatriba tra l'amministrazione di San Biagio di Callalta e il Sant'Artemio su Villa Dariol a Rovarè. Sarà la Commissione tributaria provinciale a chiarire se l'Ente dovrà effettivamente versare l’imposta

Il Comune manda alla Provincia il conto dell'Ici da pagare, ma il Sant'Artemio rifiuta di tirare fuori i soldi. Finirà davanti alla Commissione tributaria provinciale la diatriba tra l'amministrazione di San Biagio di Callalta e la Provincia di Treviso circa l'imposta relativa al 2008 su Villa Dariol a Rovarè.

Come riporta la Tribuna di Treviso, la comunicazione è arrivata al Sant'Artemio a fine dicembre: tra interessi e sanzioni i circa 2.500 euro dell'Ici sono diventati oltre 3.500. La Provincia sostiene che l'imposta sull'immobile, donato nel 2004 dalla vedova Dariol all'Ente, non va versata perché l'edificio non è agibile.

Tra l'altro, negli ultimi mesi la Provincia ha dato incarico a un notaio di completare l'iter di restituzione della villa ai proprietari originari. La vedova Dariol, infatti, aveva subordinato la donazione al fatto che il Sant'Artemio individuasse per la struttura un utilizzo a fini sociali. Il progetto inizialmente proposto dall'Ente, però, è decaduto e la vedova Dariol aveva ritirato la donazione.

Intanto, in questi anni, ha continuato a pendere la richiesta di pagamento dell'Ici arretrato. Ora spetterà alla Commissione tributaria provinciale stabilire se la Provincia dovrà effettivamente versare l’imposta sulla villa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, Zaia: «Zona gialla in Veneto non prima di maggio»

  • Attualità

    SuperEnalotto, nuova vincita nella Marca: 33mila euro per un "cinque"

  • Cronaca

    Fecero saltare trentatré bancomat, in due patteggiano la pena

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento