rotate-mobile
Politica

«Per la Marca i problemi sono ambiente e servizi, non la sicurezza»

Luigi Calesso di Coalizione Civica usa i dati della classifica del Sole 24 ore sulla Qualità della vita a Treviso per criticare la giunta guidata dal sindaco Conte sul tema sicurezza

«La classifiche sulla qualità della vita nelle province italiane rese note prima da Italia Oggi e ieri dal Sole 24Ore inviano un messaggio chiarissimo ai leghisti e destri vari che quotidianamente lanciano allarmi sulla sicurezza nella Marca».

Parola di Luigi Calesso che usa le due classifiche sulla qualità della vita in Italia per criticare la maggioranza trevigiana sul tema della sicurezza. Proprio in questo ambito, infatti, la provincia di Treviso è la "prima della classe" a livello nazionale secondo Italia Oggi (lo era già lo scorso anno). «Questo dato - afferma Calesso - dovrebbe far riflettere anche qualche amministratore di centrosinistra, fin troppo rapido nell'assecondare la "versione destroleghista" della Marca preda della delinquenza. Anche gli indicatori di reddito collocano la nostra provincia, secondo entrambi i quotidiani economici, in una ottima posizione, grazie sostanzialmente alla capacità di assorbimento degli occupati garantita da un tessuto economico dinamico. Dove, invece, il nostro territorio se la cava veramente male è negli ambiti in cui le responsabilità sono delle istituzioni a cominciare da quello ambientale per finire con quello dei servizi pubblici. Indifferente al mito del "buongoverno leghista" la classifica del Sole 24 ore ci consegna una provincia con un 35° posto proprio nel comparto "Ambiente e servizi", ben lontano dal nono posto nella classifica complessiva a causa di pessimi indicatori ambientali (ad eccezione di quello riguardante la raccolta differenziata dei rifiuti) che ben rappresentano un territorio in cui il problema della pessima qualità dell'aria non è mai stato preso in considerazione e le aree verdi pubbliche sono ancora un'eccezione nel panorama delle nostre cittadine. E' evidente che leghisti ed esponenti del centrodestra continuino a gridare alla "delinquenza" come unico male del territorio proprio per far dimenticare i problemi ambientali e dei servizi pubblici. Ma i numeri, ancora una volta, dicono esattamente il contrario e, prima o poi, fake news, allarmi ingiustificati e cortine fumogene varie lasceranno il posto alla realtà» conclude Calesso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Per la Marca i problemi sono ambiente e servizi, non la sicurezza»

TrevisoToday è in caricamento