menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reddito di cittadinanza e pensioni minime: la proposta dell'M5S

Berti: "Sono ben 800mila i poveri in Veneto, necessitiamo quindi subito di un reddito di cittadinanza regionale e di pensioni minime a 780 euro"

VENEZIA "800 mila veneti vivono oltre la soglia di povertà o ai limiti degli standard della società moderna. Decine di migliaia di persone non sono nemmeno in grado di provvedere ai bisogni fondamentali e la crisi ha avuto un enorme impatto sulle fasce più deboli della popolazione: famiglie a basso reddito, famiglie monoparentali, disoccupati, precari, giovani, stranieri, disabili, cassaintegrati e sfrattati. Una fetta enorme del Veneto sta vivendo in condizioni drammatiche e a dirlo è la Regione stessa. Il dato è infatti contenuto nel Documento di economia e finanza regionale che è approdato in questi giorni a Palazzo Ferro Fini". Ad affermare ciò è la dirigenza regionale del Movimento 5 Stelle.

"Il rischio di povertà o di esclusione sociale riguarda addirittura il 16,1 per cento della popolazione veneta. La crisi sta colpendo in particolar modo le famiglie numerose, quelle con tre o più figli a carico: per questa fascia il rischio di esclusione sociale o povertà aumenta addirittura fino al 38,7 per cento". Jacopo Berti e Simone Scarabel, consiglieri regionali M5S della prima Commissione commentano: “Questi dati ci gridano qualcosa di molto chiaro: Reddito di cittadinanza subito! Il Veneto ne ha urgente bisogno, è per questo che lo proponiamo a livello regionale, come abbiamo già fatto in Lombardia e Friuli Venezia Giulia. Renzi ha detto che non vuole farlo. Ci chiediamo se davanti a queste cifre, al vaglio della Regione proprio in queste ore, la maggioranza deciderà di voltarsi dall’altra parte o di intervenire, accettando la nostra proposta”.

780 euro al mese per cambiare questi dati. Dietro questi numeri ci sono persone, famiglie che sono tagliate fuori dalla società e dal mondo del lavoro – continuano i due consiglieri del Movimento - ricordiamo che la nostra proposta di reddito di cittadinanza tocca anche i pensionati. Se approvata, alzerà le pensioni minime alla cifra stabilita di 780 euro”.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento