rotate-mobile
Politica Istrana

Rifiuti, Zanoni avverte: “Scarti della ex Sisas anche a Istrana”

L'onorevole Andrea Zanoni (IdV) chiede l'intervento della Commissione europea nella questione dello smaltimento dei rifiuti della ex Sisas (Milano), che sarebbero finiti anche a Istrana

L’eurodeputato Andrea Zanoni (IdV) chiede alla Commissione europea di fare chiarezza sullo smaltimento dei rifiuti pericolosi dell’area milanese della ex Sisas, nei Comuni di Pioltello e Rodano (Milano). Scarti che sono arrivati anche nel Trevigiano: a Istrana.

“L'Ue faccia luce sul presunto smaltimento delle 25.000 tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti dallo svuotamento delle discariche illegali della ex-Sisas nei comuni di Pioltello e Rodano”, sollecita Zanoni.

“Alcuni rifiuti pericolosi provenienti dall'ex Sisas – continua – sono finiti addirittura nella discarica della ditta Geo Nova di Istrana, secondo quanto è stato certificato il 18 gennaio 2011 dalla Provincia di Treviso”. Rifiuti contententi Nello specifico benzopirene, una sostanza cancerogena.

L’associazione Greenpeace ha denunciato che i rifiuti provenienti dalla ex Sisas, contaminati da mercurio, idrocarburi policiclici aromatici e ftalati, sono stati smaltiti senza la prevista inertizzazione nella discarica di Befesa di Nerva (Andalusia) temporaneamente posta sotto sequestro nel luglio del 2011, e anche in altre parti d'Italia.

 “Non ritiene la Commissione – chiede Zanoni – che in mancanza di una chiara e risolutiva risposta da parte delle autorità competenti italiane, e anche spagnole, sulle operazioni di pretrattamento e smaltimento dei rifiuti, lo svuotamento delle discariche illegali della ex-Sisas debba configurarsi come spedizione illegale ai sensi del Regolamento (CE) n.1013/2006?”

“È arrivata l'ora che sull'ex Sisas e su quello che è finito nella discarica della ditta Geo Nova di Istrana di Treviso venga fatta finalmente luce”, conclude l'eurodeputato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, Zanoni avverte: “Scarti della ex Sisas anche a Istrana”

TrevisoToday è in caricamento