rotate-mobile
Politica San Zenone degli Ezzelini

Caso San Zenone: «Quando non si parla con i territori tutti i nodi vengono al pettine»

Il Consiglio di Stato ha dato ragione al piccolo Comune trevigiano contro la Regione che non aveva dato seguito agli accordi per le opere compensative della Superstrada pedemontana veneta

«La sentenza del Consiglio di Stato che obbliga la Regione del Veneto a provvedere alla riqualificazione del centro storico di San Zenone degli Ezzelini mette fine ad una vicenda che ha dell’incredibile e che ha obbligato un comune della nostra provincia ad una lunga e onerosa battaglia giudiziaria per avere giustizia davanti ai silenzi del governo regionale. E questo accade quando un’opera, peraltro costosissima sia nella sua realizzazione che per i cittadini che quotidianamente pagano pedaggi salatissimi, è fortemente contestata dalle comunità che attraversa e per la quale non è mai stato aperto un dialogo costruttivo con gli enti interessati, i cittadini, le associazioni di categoria. È questo un anticipo di quello che vedremo anche per il progetto della Treviso-Mare a pedaggio?». Così dichiarano Giovanni Zorzi, segretario del Partito Democratico della Provincia di Treviso, e Matteo Favero, responsabile Ambiente e Infrastrutture Pd provinciale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso San Zenone: «Quando non si parla con i territori tutti i nodi vengono al pettine»

TrevisoToday è in caricamento