Sicurezza in stazione, Conte: "Stanchi di subire fenomeni di delinquenza di strada"

Il capogruppo della lega Nord in consiglio comunale: "Non basta la repressione perché  bisogna modellare una presenza delle forze dell’ordine che scoraggi i male intenzionati"

TREVISO “Bene che anche la Prefettura abbia colto l’importanza del presidio preventivo del territorio. E’ quello che chiedono i 600 cittadini trevigiani che nei giorni scorsi hanno firmato l’appello della Lega affinché vengano rafforzati i controlli nelle aree più sensibili della città con la presenza fissa delle forze dell’ordine”. Lo dicono oggi Mario Conte, capogruppo della lega Nord – Liga Veneta in Consiglio Comunale e Christian Schiavon, segretario della sezione del Carroccio “Treviso 2”,  annunciando che sono mezzo migliaio le firme raccolte nei gazebo allestiti dalla Lega nei giorni scorsi  e messe in calce ad un documento che chiede che nei punti più sensibili del centro e delle periferie siano presenti presidi fissi delle  forze dell’ordine per rafforzare la sicurezza.

“A chiedercelo sono i cittadini di Via Orioli, di Via Roma, di Piazza Giustiniani e di tutti i quartieri. C’è tanta gente stanca di subire i fenomeni di delinquenza di strada. E per dare risposte ai trevigiani occorre intervenire con la prevenzione. Questa Amministrazione invece rincorre i problemi come quello che chiude le porte della stalla dopo che i buoi sono già scappati. Non basta la repressione perché  bisogna modellare una presenza delle forze dell’ordine che scoraggi i male intenzionati. Noi riteniamo assolutamente inaccettabile che intere porzioni della città continuino a essere preda di gentaglia protagonista quasi quotidiana di un dilagare di comportamenti anti-sociali e delittuosi.  Le 600 firme che abbiamo raccolto con i nostri gazebi in Via Orioli, Via Roma e Piazza Giustiniani ci dicono che c’è una forte richiesta di sicurezza da parte di chi è davvero stanco di subire. Treviso è dei cittadini per bene, non delle bande o degli sbandati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo soddisfatti che dalla Prefettura giungano chiari segnali del fatto che il problema è stato capito e che la soluzione è quella contenuta  nelle proposte che fa la Lega Nord e che sono  tutte improntate alla prevenzione. E’  la strada giusta da percorrere, creando un coordinamento interforze che veda finalmente protagonista anche la Polizia Locale. Quei 600 trevigiani vanno compresi e ascoltati. La loro firma non è solo un sostegno alle nostre proposte ma un vero e proprio appello al Comune affinché ordine e sicurezza tornino ad essere delle priorità. E’ un no alla trascuratezza e al degrado perché Treviso si merita molto di più”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento