menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Silvano Piazza

Silvano Piazza

Silea, Silvano Piazza lascia la carica di vicensindaco e scatta la polemica

La lista d'opposizione "Sviluppo e Ambiente-Lega": «Da sindaco a vicesindaco e assessore al bilancio. Ma anche consigliere regionale. Era questo il momento giusto di andarsene?»

«In un momento molto delicato in cui le Istituzioni sanitarie e gli enti locali sono impegnate ad affrontare l’emergenza della seconda pandemia Covid-19 che sta fortemente preoccupando per il numero dei cittadini contagiati (1 su 30 in provincia), la grave situazione sanitaria e di pressione negli ospedali, nonché l’elevato numero di morti e le preoccupanti situazioni economiche di famiglie ed imprese, a Silea il vicesindaco Silvano Piazza, con esperienza di 15 anni di Amministrazione e di fatto responsabile della linea politica del Comune, dopo 10 anni di Sindaco e i 3 di vice sindaco e di fatto mentore della Cendron pensa bene di lasciare il Comune, proprio in questo momento! Da Assessore al Bilancio Piazza ci ha spiegato nell’ultimo consiglio che il Bilancio subirà pesanti riduzioni per le mancate entrate derivanti dai problemi economici su famiglie ed imprese, e cosa fa il Vicesindaco? Pensa bene di andarsene per ripararsi con una poltrona comoda in Regione, ben pagata dopo quelle di sindaco e vicesindaco. Ma era proprio il caso interrompere una responsabilità amministrativa in questo delicato momento?». A dirlo sono il Capogruppo Daniele Frezza e i consiglieri comunali Moreno Vanzin e Andrea Cogo di "Sviluppo e Ambiente - Lega".

«Una Amministrazione strana questa del duo Cendron-Piazza: proprio nel consiglio del 30 novembre presentano una delibera ed una convenzione con ISRAA Treviso che farà molteplici servizi in convenzione sul nostro comune (dai pasti a domicilio, al supporto dello psicologo, all’assistenza a famiglie in difficoltà a vari servizi su anziani e pazienti fragili), e solo l’opposizione chiede nel dettaglio come mai la nostra Casa di Riposo “Villa d’Argento“ non è nemmeno citata nella convenzione né mai coinvolta in importanti servizi ai cittadini. ISRAA è una garanzia per l’esperienza e le attività solite, ma suona come un “non esiste nessun altro soggetto in Comune da coinvolgere” - continuano dall'opposizione - La Fondazione Villa d’Argento di Silea è una realtà che svolge importante attività di ricovero per anziani provenienti dal territorio provinciale e regionale e non solo per i cittadini di Silea, ma che è stata costruita e finanziata dal Comune e quindi con le tasse dei cittadini di Silea! Non viene coinvolta nei servizi per i cittadini, affiancando ISRA e in 3 anni di Consiglio Comunale nonostante numerose nostre richieste non se ne è mai parlato. Quindi è paradossale che La Fondazione non venga coinvolta e nello stesso consiglio il vicesindaco si dimette per andare a fare il Presidente della fondazione stessa, e poi si legge da comunicati della Cendron che si aprirà al territorio e non poteva già farlo forse, se coinvolta e affiancata dal Comune come da noi richiesto più volte per aprirla a nuovi servizi e bisogni, proprio come fa ISRA a Treviso».

«Anche sul Bilancio e sul DUP, documento di programmazione pluriennale, emerge la contraddizione di questa giunta Cendron- Piazza, oggi in cerca di poltrone per entrambi, si sono spostate poche decine di migliaia di euro al supporto ad imprese e famiglie per l’emergenza Covid-19 120 mila euro e si mantengono impegni di spesa per centinaia di migliaia di euro quali sport, cultura, viaggi all’estero, con attività’ di fatto sospese per l’emergenza Covid-19. Andava rivisto tutto nel Bilancio ed il capitolo più importante oggi doveva essere intitolato al Covid-19 e alla necessità di aiutare le famiglie e le imprese! E invece un po’ di trucco al bilancio e avanti come prima, soprattutto mantenendo la politica di un Comune che si sta sempre più’ allontanando dalla città di Treviso a cui noi guardiamo come un faro e un regista dello sviluppo del territorio» chiosa Frezza.

«La nostra linea politica è opposta a quella della giunta Cendron Piazza che non ha risolto i problemi del traffico, che non garantisce la sicurezza (solo 3/4 vigili per 10 mila e più abitanti) che sviluppa piste ciclabili a spot (quasi 1 milione di euro per la pista poca utilizzata da Canton a San Elena) ed è impossibile ad oggi muoversi in bicicletta senza rischi da Silea a Treviso, nessun investimento sul Sile, sul turismo, sullo sviluppo di nuove imprese green e giovani, sul lavoro e a supporto della rete dei commercianti locali anzi nuovi Ipermercati e Grande distribuzione al Casello Autostradale cambiando il naturale sviluppo di quell’area che era (e per noi rimane) produttivo che porterebbe lavoro visibilità e ricchezza al comune. La canonica fulcro del Centro si Silea sta crollando ed è l’immagine di questi 13 anni di Amministrazione Cendron-Piazza, con titoli sui giornali di un grande successo raggiunto oltre 1anno fa ma che nessuno oggi ha visto» dichiarano Vanzin e Cogo.

«Quindi ci prepariamo al Natale con un valzer di poltrone, con un Vice Sindaco che si dimette in un momento inopportuno (come non potessero esserci altri candidati) con un nuovo Consiglio della Fondazione Villa d’Argento a cui va il nostro augurio di buon lavoro, e con dei problemi importanti da risolvere nel Comune di Silea su cui l’opposizione continuerà a svolgere il proprio mandato di controllo e di verifica facendo emergere le contraddizioni dell’Amministrazione che in questa vicenda ha fatto prevalere l’interesse delle poltrone rispetto al senso di responsabilità amministrativa e del mandato ricevuto dai cittadini (anche personale) in un momento in cui l’emergenza Covid-19 richiede sacrificio e impegno anche e soprattutto a chi amministra con uno stipendio garantito dai cittadini» concludono dall'opposizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento