Sindacato Fsp: «Alla caserma Serena siano revocate le ospitalità»

Armelao, Segretario Generale Regionale Veneto di Fsp: «Vengano effettuate espulsioni coatte. O così o si abbia il coraggio di chiudere tutto»

L'ex caserma Serena

«Treviso, con la caserma Serena, manifesta e palesa comportamenti già visti nell’hub di Conetta (VE) chiuso su precisa volontà dell’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini nel dicembre del 2018. Sia quindi revocata immediatamente l’ospitalità agli stranieri che non rispettano le regole, in primis la quarantena, e a tutti quelli che si sono resi responsabili di qualsivoglia forma di protesta non pacifica sfociata in violenza nei confronti di operatori e forze dell’ordine e in danneggiamenti dei beni comuni. Si abbia il coraggio di espellere in maniera coatta chi si erge a capetto solamente per creare disordini interni». A dirlo è il Segretario Generale Regionale Veneto di Fsp Polizia Veneto, Mauro Armelao.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le regole vanno rispettate, come sono state rispettate dagli italiani nelle fasi del lockdown. Nessuna indulgenza verso questi personaggi che non dimostrano alcuna gratitudine verso il nostro Paese che li sta ospitando, altrimenti dovremmo sopportare per molto tempo ancora angherie di ogni tipo. Se questi “personaggi” fossero realmente scappati dalla guerra e dalla fame ringrazierebbero il loro Dio ogni santo giorno per essere vivi e al sicuro - continua Armelao - Qui la Polizia di Stato, come tutte le forze di polizia, si sta trovando nuovamente di fronte all’emergenza sbarchi (ed ingressi continui dai confini del Friuli Venezia Giulia anche se poco considerati...) ma ad aggravare la situazione c’è il rischio sanitario dovuto al Covid. Non possiamo permetterci in alcun modo che i cosiddetti “profughi” diventino veicolo del virus - continua Armelao - Lo diciamo da molto tempo, si devono fermare le partenze direttamente in Africa. Basta buonismo ed ipocrisia o ripiomberemo pericolosamente nei periodi dell’emergenza sbarchi di qualche anno fa e peggio ancora i contagi da Covid inizieranno ad aumentare facendo ritornare il pericolo di nuovo lockdown. Anche il Prefetto di Treviso si interfacci con il Governo e faccia la propria parte o qui come sempre accade a farne le spese ci saranno sempre le forze dell’ordine chiamate a far rispettare le regole e i cittadini che dovranno sopportare ancora per molto tempo, considerati gli sbarchi e gli ingressi via terra da nord est, questa situazione. O così o si abbia anche il coraggio di chiudere la caserma Serena» conclude Armelao.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento