menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Metodo Stamina, Zaia pronto a mettere a disposizione le strutture venete

"Se il ministro della Salute ce lo chiede - annuncia il governatore del Veneto - la Regione offrirà i propri presidi ospedalieri"

Se dovesse arrivare dal Ministro della Salute una richiesta di aiuto, le strutture sanitarie del Veneto si renderanno pienamente disponibili ad assicurare il necessario supporto.

In una lettera il governatore della Regione Luca Zaia offre il proprio supporto al ministro Beatrice Lorenzin in merito alla vicenda del metodo "Stamina", esprimendo "piena disponibilità a supportare qualunque attività volta ad offrire una risposta rapida ai malati in attesa di trattamento”.

La vicenda è tornata all'attenzione dell'opinione pubblica in seguito alla sentenza del Tar Lazio che ha sospeso il decreto di nomina del Comitato Tecnico Scientifico Ministeriale e di conseguenza anche il parere dello stesso Comitato che portò a suo tempo all’annullamento della sperimentazione.

Zaia ricorda che “in questi mesi vi è stato nel Paese un dibattito molto acceso sull’utilizzo di tale metodica”, che ha visto scontrarsi le ragioni della Comunità Scientifica e della Ricerca con quelle dei pazienti e delle loro famiglie, costretti drammaticamente ad affrontare patologie comunemente definite "senza speranza".

"Anche in Veneto vi sono pazienti affetti da patologie rare degenerative a rapida progressione e prive di cure con evidenza scientifica che si rivolgono alla Magistratura per ottenere l’accesso al trattamento a base di cellule staminali con la metodica proposta da Stamina Foundation Onlus”, scrive Zaia, sottolineando di aver già avuto modo di dichiarare che “il sistema sanitario della nostra regione, per le sue riconosciute caratteristiche di eccellenza, era pronto a partecipare a qualunque fase della sperimentazione”.

Per far fronte all’elevato numero di pazienti che hanno ottenuto dai Tribunali l’accesso ai trattamenti, il Veneto, “anche affiancando – precisa Zaia nella lettera – la Regione Lombardia nelle difficoltà riscontrate dagli Spedali Civili di Brescia”, offre il proprio sostegno, subordinato però a una richiesta in tal senso da parte del Ministro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Attualità

Veneto in zona arancione: cosa si può fare da martedì 6 aprile

Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento