rotate-mobile
Politica Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, la stazione passerà al Comune

Raggiunto l'accordo tra il Comune di Vittorio Veneto e Rfi. La stazione ferroviario e l'area circostante diventeranno comunali

Stamattina il sindaco Gianantonio Da Re ha incontrato l’assessore regionale alla Mobilità Renato Chisso e i funzionari di Rfi per discutere dei disservizi segnalati dagli utenti.

“Abbiamo trovato l’accordo – ha fatto sapere il primo cittadino vittoriese – e si avvierà ora l’iter per portare nella disponibilità del patrimonio comunale la stazione ferroviaria e le aree adiacenti, dallo scalo merci agli altri immobili presenti: cesserà la situazione di degrado e la stazione tornerà ad essere un biglietto da visita che si merita la nostra città. Prima non potevamo metterci mano perché non era nostra”.

L’incontro è avvenuto su esplicita richiesta di Da Re e ha avuto come esito l’riapertura di un tavolo di trattative, avviate già da tempo, per la cessione dello stabile della stazione ferroviaria all’amministrazione comunale. L’operazione è ormai sicura, per questo l’assessore Chisso ha effettuato un sopralluogo con il sindaco per verificare spazi e disponibilità di immobili e aree da concedere al Comune.

“Faremo valere il protocollo siglato un paio di anni fa con Rfi per dare ai comuni le stazioni dismesse e impresenziate – ha confermato l’assessore – Abbiamo concordato per l’amministrazione comunale un comodato gratuito, i dettagli saranno inseriti nelle convenzioni che seguiranno. Sono particolarmente soddisfatto perché ho trovato grande disponibilità nell’amministrazione comunale, a differenza di altre, nel prendersi carico dei locali della stazione, alcuni fatiscenti, per metterli poi a disposizione della collettività”.

Negli spazi della stazione saranno ospitate le associazioni e la nuova biglietteria, attualmente  ospitata negli uffici dell’Apt e gestita dalla Pro Loco: “Ho avuto assicurazioni anche per il cambio del meccanismo del passaggio a livello di via Callarga, dove c’è il centro ecologico, che provoca attualmente molte code e disagio. – ha spiegato Da Re – Ne sarà installato uno di nuova concezione da parte della Regione”.

Relativamente ai disservizi e ai tagli che creano disagi sulla linea Conegliano-Vittorio Veneto e ritorno, l’assessore Chisso ha precisato: “Abbiamo constatato anche con i nostri uffici che sono state tagliate corse frequentate mediamente da meno di venti  passeggeri a treno, con costi oggettivamente insostenibili. Non aveva senso mantenerle”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittorio Veneto, la stazione passerà al Comune

TrevisoToday è in caricamento