rotate-mobile
EUROPEE 2024 / Susegana / Via Foresto Est

Michele Santoro all’Electrolux: «Impegno per i diritti e la dignità dei lavoratori»

Il leader della lista Pace Terra Dignità ha visitato oggi la provincia di Treviso, tenendo un comizio sui diritti dei lavoratori e l’impatto economico della guerra. Il prossimo evento sarà l’incontro di Dario Dongo il 19 maggio a Godega di Sant’Urbano

Michele Santoro, capolista della lista Pace Terra Dignità nel Nordest, ha tenuto un comizio venerdì 17 maggio di fronte ai cancelli dell’Electrolux di Susegana. La lista, che concorre alle elezioni europee dell’8 e 9 giugno, si distingue per essere l’unica ad aver raccolto le firme necessarie per presentarsi in tutte e 5 le circoscrizioni elettorali. La provincia di Treviso ha mostrato un notevole sostegno, con oltre 2mila sottoscrizioni, dando slancio alla campagna elettorale del movimento. Il prossimo appuntamento elettorale vedrà il candidato Dario Dongo al centro di un incontro con le realtà ambientaliste della Marca. L’evento si terrà domenica 19 maggio, alle ore 10.30, presso la Casetta Rosa di via Salvatoronda a Godega di Sant’Urbano. Il tema dell’incontro sarà “agricoltura e cibo, salute e welfare. Cosa si può fare oggi in Europa”, una riflessione su come le politiche europee possano influenzare positivamente questi ambiti vitali. L’iniziativa è co-organizzata da “Pace Terra Dignità” e dalla Biblioteca Franco Da Re di Vittorio Veneto. Di fronte ai lavoratori in uscita dall’Electrolux per il cambio turno, Michele Santoro ha spiegato come i conflitti armati stiano attaccando direttamente gli operai.

«La guerra e le sue conseguenze economiche stanno erodendo il potere d’acquisto dei lavoratori, che hanno visto una riduzione del quasi 10% dei loro salari reali.  L’aumento del costo della vita, pari a circa il 10%, e dei tassi dei mutui, fino al 4%, sta rendendo sempre più difficile l’accesso alla proprietà di una casa. Un lavoratore, con il proprio salario, dovrebbe avere la possibilità di comprarsi una casa come avere la possibilità di mandare i figli all’asilo, a scuola e all’università. Questo in Italia questo è impossibile perché siamo prigionieri del debito che attualmente si attesta al 140% in rapporto al Pil». Con queste parole Santoro e la lista Pace Terra Dignità si impegnano a portare avanti la loro battaglia per i diritti dei lavoratori, per una società più giusta e per un futuro in cui la dignità del lavoro sia al centro dell’agenda politica: «Ancora una volta, non si colpiscono i grandi profitti delle banche o di chi commercia il petrolio ma quella fascia di popolazione che produce realmente ricchezza come gli operai. Bisogna ridare dignità e la fierezza di dare un contributo produttivo alla società, al contrario di chi vive speculando. È fondamentale richiedere i nostri diritti, che sono essenziali per riaprire un dialogo basato sulla speranza che è ciò che realmente manca. Man mano che la nostra forza crescerà, crescerà anche la bandiera della speranza per i lavoratori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michele Santoro all’Electrolux: «Impegno per i diritti e la dignità dei lavoratori»

TrevisoToday è in caricamento