rotate-mobile
Politica

Smog, Treviso pronta a passare alle targhe alterne dal prossimo autunno

L'amministrazione comunale è decisa ad adottare la misura anti-inquinamento anche senza l'appoggio dei Comuni limitrofi. Prima una settimana al mese, poi per due giorni

La nuova amministrazione comunale di Treviso prende in mano la delicata questione dell'inquinamento in città, dicendosi pronta a intervenire con o senza la collaborazione e l'appoggio dei Comuni limitrofi.

Ad annunciarlo a La Tribuna di Treviso è il vicesindaco Roberto Grigoletto, che nella giunta di martedì ha spiegato l'intenzione di Ca' Sugana di dichiarare guerra allo smog, che nei mesi tra ottobre e marzo raggiunge a Treviso i suoi picchi massimi.

Le decisioni in materia, però, devono essere discusse con i vicini di casa. Per questo dopo la pausa di agosto Grigoletto incontrerà i sindaci dei Comuni limitrofi per vagliare insieme l'applicazione delle targhe alterne.

Le ipotesi in tal senso sono due: introdurre la misura la prima settimana di ogni mese, dal lunedì al venerdì, e due volte a settimana per il restante periodo. Oppure solo di pomeriggio, tutte le settimane.

Il nodo più difficile da sciogliere è quello della resistenza dei colleghi dei Comuni dell'hinterland, ma Grigoletto si dice pronto ad agire anche da solo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smog, Treviso pronta a passare alle targhe alterne dal prossimo autunno

TrevisoToday è in caricamento