rotate-mobile
Politica

Tesoreria unica, Gobbo ai sindaci: "Seguite l'esempio di Zaia"

Gian Paolo Gobbo ha invitato i colleghi sindaci e i presidenti di Provincia a fare ricorso al Tar, come ha fatto Luca Zaia, contro l'introduzione della Tesoreria unica

Il sindaco di Treviso, Gian Paolo Gobbo, ha le idee chiare su come affrontare la questione della Tesoreria unica: fare ricorso al Tar.

Secondo il primo cittadino trevigiano, i suoi colleghi dovrebbero seguire l'esempio del governatore veneto Luca Zaia, che ha depositato un ricorso al Tribunale "per impedire - ha dichiarato Gobbo - la nuova rapina dei soldi dei cittadini". I sindaci, continua il segretario nazionale della Liga Veneta, devono diffidare "il gestore della loro Tesoreria dal trasferire le disponibilità liquide allo Stato".

"La maggior parte delle pubbliche amministrazioni del Veneto - ha aggiunto Gobbo - rivendica un'elevata virtuosità nella gestione delle risorse, distinguendosi da tutti quei Comuni, Enti locali e Regioni che hanno sperperato il denaro dei loro cittadini. Pertanto va contrastata con fermezza la vessazione dello Stato".

Secondo il segretario leghista "oggi serve un'azione forte e congiunta, non a macchia di leopardo: il Veneto deve opporsi a Roma-predona, e dire no all'ennesima prevaricazione del Governo più centralista della storia repubblicana".

L'invito di Gobbo non si ferma ai colleghi sindaci, ma anche ai presidenti di Provincia. "Da questo deve iniziare la rivoluzione del popolo veneto: dobbiamo rispondere al decreto del Governo come fosse - conclude Gobbo - una dichiarazione di guerra. Tutti gli amministratori, indipendentemente dal colore politico, oggi debbono pensare prima ai propri cittadini e rivendicare quell'autonomia sancita dalla Costituzione di cui il Governo si ricorda solo quando gli fa comodo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tesoreria unica, Gobbo ai sindaci: "Seguite l'esempio di Zaia"

TrevisoToday è in caricamento