Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il lavoro è una priorità per Treviso: nuove opportunità e niente ostacoli”

Roberto Fava, candidato al consiglio comunale nelle fila di Forza Italia, lancia le sue proposte in tema di occupazione

 

TREVISO “Il lavoro deve essere una priorità per una città capoluogo come Treviso. Bisogna aiutare il commercio, le piccole aziende, i professionisti, creando nuove opportunità e evitando di ostacolare le loro attività”: Roberto Fava, candidato al consiglio comunale nelle fila di Forza Italia, lancia le sue proposte in tema di occupazione.

“Innanzitutto, in questo momento di crisi - spiega Fava - bisogna tutelare chi un lavoro ce l’ha: no, quindi, a una pedonalizzazione esasperata e irrazionale del centro storico, che rischia di allontanare i consumatori dalle attività che vi si trovano”. C’è poi da creare nuove opportunità di lavoro: “Una buona spinta all’occupazione e allo sviluppo può arrivare dal co-working, la condivisione di spazi comuni tra liberi professionisti. - spiega Fava - Con questa soluzione, si risolverebbero diverse questioni, dal recupero degli spazi abbandonati, con la riconversione in sale ed uffici, alla messa a disposizione di luoghi di lavoro per i professionisti che altrimenti faticherebbero da soli a pagare un affitto, fino alla nascita di nuove collaborazioni tra i professionisti”. “Abbiamo a pochi chilometri da qua, in una realtà che il sindaco Manildo dovrebbe conoscere bene, a Belluno, un esempio di come il co-Working sia un sistema funzionante e che crea lavoro. - conclude Fava - Anche nelle politiche per il lavoro bisogna saper innovare e osare, guardando alla realtà e alle esigenze del territorio e non agendo sempre ideologicamente”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento