menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da Facebook

Da Facebook

Che problema ha il sindaco Conte con le “sardine” trevigiane?

L'opinione di Gigi Calesso, Coalizione Civica per Treviso

Riferendosi al neonato movimento delle “sardine” trevigiane il Sindaco Conte esprime una sorta di preoccupazione perché si tratterebbe di una iniziativa “contro” qualcuno e attende “proposte”. Non vedo la ragione di questo tipo di atteggiamento perché, al contrario del Sindaco, trovo positivo e interessante qualsiasi tipo di movimento, di gruppo, di manifestazione attraverso cui dei cittadini esprimono le loro idee, le loro posizioni politiche, il loro impegno civico. Tanto più la cosa mi sembra importante se, come in questo caso, a dare vita a una nuova iniziativa sono persone che non esprimono già una militanza, una partecipazione politica con altri strumenti.

Quanto alla questione dell’essere “contro”, stupisce non poco che a esprimere questa valutazione sia l’esponente di una partito, la Lega, che è nato contro tutto e contro tutti, contro il “sistema”, contro il “centralismo”. Si tratta dello stesso partito che ancora oggi costruisce la parte largamente prevalente della propria “proposta” e propaganda politica proprio “contro” i migranti, l’Europa, le ONG… Ma, anche al di là di questo, sfugge forse al Sindaco che nel corso della storia come nei nostri giorni moltissimi movimenti popolari sono nati “contro” qualcosa (un governo, una misura economica antipopolare, una guerra…) e hanno avviato processi in grado di cambiare la storia di interi Paesi, se non dell’intera umanità. Forse che chi manifesta oggi in Cile o a Hong Kong contro i governi di quei Paesi dovrebbe prima dotarsi di “adeguate proposte” e non esprimere la propria netta contrarietà a misure che non condivide? Diceva Josè Saramago in un’intervista: “La parola più importante è senz’altro No. No all’intolleranza e all’ineguaglianza, soprattutto. Non dimentico parole altrettanto importanti come amore, onestaà, solidarietà, ma per prima cosa bisogna sempre dire di no a tutto ciò che lo merita”. Da ieri abbiamo anche No delle “sardine” trevigiane, con buona pace del Sindaco Conte.

Gigi Calesso, Coalizione Civica per Treviso

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Bonus per i centri estivi, senatrice leghista nella bufera

  • Cronaca

    Picchiate e rapinate, l'imputato: «Mi hanno rubato in casa»

  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento