«Zaia minaccia l’autonomia fai da te, scelta perfetta per non arrivare a nulla»

Così il capogruppo del Partito Democratico Stefano Fracasso

Zaia con una bandiera del Veneto

«Adesso siamo all’autonomia ‘fai da te’, una proposta tanto originale quanto sconclusionata. Se questa è la strategia di Zaia, evidentemente non vuole arrivare ad alcun risultato ma alzare il livello di scontro con il Governo e il Parlamento». Così il capogruppo del Partito Democratico Stefano Fracasso commenta la ‘minaccia’ del presidente della Regione di ‘smontare’ l’intesa e portare in Consiglio singoli progetti di legge su ognuna delle 23 materie per cui il Veneto chiede l’autonomia, dall’istruzione alle reti di trasporto. Una proposta annunciata oggi in occasione dei due anni dal referendum del 22 ottobre 2017.

«Siamo davvero curiosi di vedere se, e come, con una legge del Consiglio regionale, riuscirà a trasferire 70mila dipendenti della scuola, che sono statali. Non ci risulta che i contratti di lavoro nazionali possano essere regolati da legge regionali, né che le leggi regionali possano modificare le concessioni sulle autostrade. Zaia continua a fare propaganda, anziché lavorare per raggiungere il traguardo. Se l’obiettivo è far lavorare gli avvocati e i giudici della Corte costituzionale sta imboccando la strada giusta, per arrivare all’autonomia, invece, la direzione è quella opposta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento