Politica Centro / Via del Municipio

"Verità per Giulio Regeni": a Ca' Sugana uno striscione per ricordare il 28enne

Il consigliere Pelloni: «Il Comune sia coraggioso: non si fermi a 30 giorni di esposizione ma lasci lo striscione permanentemente, almeno fino a quando non sarà fatta verità»

Lo striscione per Giulio Regeni all'esterno di Ca' Sugana

«A cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, e dopo tre appelli al Governo, abbiamo deciso di esporre all'esterno di Ca’ Sugana lo striscione a lui dedicato. Lo stesso resterà affisso per 30 giorni affinché si continui a vigilare sull’accertamento della responsabilità sulla morte del ricercatore universitario barbaramente ucciso al Cairo. Ci uniamo dunque al dolore e al desiderio di verità della famiglia». A dirlo, venerdì mattina, è il sindaco di Treviso Mario Conte.

Sul punto è poi intervenuto anche il consigliere comunale Stefano Pelloni (PD): «Nell’ultimo Consiglio comunale avevo ricordato i cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni e avevo chiesto all’Amministrazione di ritornare sui propri passi, rimettendo lo striscione della campagna di Amnesty International “Verità per Giulio Regeni”. Vedo oggi che il Comune ha deciso di rivedere la propria decisione del 2018 e mi fa piacere: è saggio ammettere e correggere i propri errori. Ora siano coraggiosi, non si fermino a 30 giorni ma lo lascino permanentemente, almeno fino a quando non sarà fatta verità. Grazie dunque ad Amnesty che, da quando è stato tolto lo striscione, ogni secondo martedì del mese ha fatto un sit-in in piazza dei Signori per ricordare questa triste vicenda».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Verità per Giulio Regeni": a Ca' Sugana uno striscione per ricordare il 28enne

TrevisoToday è in caricamento