rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Politica Centro / Via Inferiore

Pedonalizzazione, Ca' Sugana fa dietro front su via Inferiore

Torna la transenna in via Inferiore. La Giunta comunale ha ripristinato la chiusura al traffico della strada, dopo che Gentilini aveva bloccato la delibera di gennaio

Via Inferiore: pedonale sì, pedonale no. Hanno vinto i commercianti, almeno per il momento.

Mercoledì la giunta comunale di Treviso ha ripristinato la chiusura della strada al traffico, in via sperimentale. All'imbocco di via Inferiore, dopo l'incrocio con via Bailo, sarà dunque ripristinata la transenna acquistata dai negozianti della zona, con buona pace per Giancarlo Gentilini.

Era stato proprio il vicesindaco, candidato alle elezioni di maggio, a bloccare la delibera di gennaio, paventando un "caos boreale" davanti al Comune se via Inferiore fosse stata chiusa. "Finché resterò a Ca' Sugana non si farà", aveva promesso.

Ma ci hanno pensato il sindaco uscente, Gian Paolo Gobbo, e gli assessori del Pdl, da sempre favorevoli alla misura, a ripristinare l'ordine dopo le polemiche scoppiate nei giorni scorsi.

In via sperimentale, per testare le effettive ripercussioni sul traffico della zona, il tratto tra via Bailo e le chiese di San Vito e Santa Lucia diventerà zona a traffico limitato, mentre via Inferiore sarà zona pedonale.

Esulta, di fronte a questa inversione di marcia in casa leghista, il candidato sindaco di Indipendenza Veneta, Alessia Bellon, che si era scagliata contro Gentilini.

L'aspirante sindaco indipendentista porta però l'attenzione a un altro caso, quello di via Generale Cantore, i cui residenti negli ultimi anni hanno organizzato due raccolte firme per risolvere un grave problema di viabilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedonalizzazione, Ca' Sugana fa dietro front su via Inferiore

TrevisoToday è in caricamento