rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Politica

Violenza di genere, flash mob di Fratelli d'Italia in Piazza dei Signori

Il movimento politico ha voluto manifestare la propria solidarietà nei confronti delle tante vittime di questo fenomeno, ancora troppo radicato nel nostro Paese e lontanissimo dall'essere eliminato

Oggi, sabato 27 novembre in Piazza dei Signori a Treviso, si è tenuto un flash-mob di Fratelli d’Italia in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, del 25 novembre. Il movimento politico  ha voluto così manifestare la propria solidarietà nei confronti delle tante vittime di questo fenomeno, ancora troppo radicato nel nostro Paese e lontanissimo dall'essere eliminato. 

«Con amarezza - spiegano in una nota il consigliere comunale Davide Visentin e il segretario provinciale Giuseppe Montuori - dopo il difficilissimo 2020, anno del lockdown e del record di chiamate e richieste di aiuto ai centri anti violenza, anche il 2021 sta presentando numeri impressionanti: 103 donne vittime di omicidio volontario dal primo gennaio ad oggi, un femminicidio ogni tre giorni, per la maggior parte consumati tra le mura domestiche o ad opera di partner ed ex partner. Le ragioni di questa insopportabile piaga sociale sono da ricercare in famiglia, in retaggi educativi sbagliati, nella difficoltà da parte delle donne vittime di maltrattamento ad abbandonare compagni violenti condizionate dalla mancanza di indipendenza economica. La soluzione può passare solo attraverso una vera e propria rivoluzione culturale basata sulla sensibilizzazione ed educazione di bambini e ragazzi e sulla fitta presenza nel territorio di centri di ascolto. Ma laddove la prevenzione non risultasse sufficiente sarebbe auspicabile per i colpevoli una pena certa e severa e per la vittima un adeguato sostegno con un percorso di inserimento nel mondo del lavoro per il raggiungimento della piena indipendenza. Fratelli d’Italia ad ogni livello si impegnerà perché quanto sopra venga messo in pratica nel modo più rapido ed efficiente possibile e che basti a vedere scendere di anno in anno i numeri di questa strage senza fine».

«Nel frattempo - hanno concluso - non possiamo che invitare tutte le donne vittime di maltrattamenti a denunciare e chiedere aiuto senza esitare, rivolgendosi a centri di ascolto e consultori familiari, al pronto soccorso, alle forze dell’ordine, o chiamando il numero 1522 del servizio anti violenza e stalking, gratuito e attivo 24 ore su 24».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza di genere, flash mob di Fratelli d'Italia in Piazza dei Signori

TrevisoToday è in caricamento