rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Politica Centro

Escalation di violenza a Treviso città: il consigliere Acampora interroga Manildo

"L'Amministrazione comunale si rende conto della criticità della situazione ed il disagio che essa provoca nella quotidianità della gente comune?"

TREVISO Escalation di violenza a Treviso città, in consiglio comunale è Davide Acampora contro Giovanni Manildo. "Nei giorni scorsi in città si sono verificati diversi avvenimenti gravi e pericolosi per i nostri cittadini, i quali evidenziano una palese mancanza di sicurezza e controllo del territorio - ha dichiarato il consigliere comunale - Primo tra questi è stato uno scontro in via Roma tra gang di ghanesi, pare per contendersi le zone di spaccio del centro città, durante un orario di massima presenza di cittadini indifesi e spaventati che hanno assistito increduli alla scena. Molti di questi hanno dovuto cercare rifugio all'interno delle attività commerciali vicine, per evitare di finire in mezzo alla rissa. Nemmeno poche ore dopo il fatto suddetto, nel quartiere periferico di Santa Bona, due gruppi di zingari e senegalesi si sono picchiati pesantemente in pieno giorno davanti a decine di persone, pare per motivi legati al traffico di auto rubate, già ben noto in città. Il giorno successivo all'episodio appena descritto, nei giardinetti Sant'Andrea, è stato fermato un pusher di nazionalità afgana intento a spacciare droga proprio in quella centralissima zona della città".

"La sicurezza a Treviso deve essere una priorità", ha commentato il Consigliere comunale Davide Acampora, "mentre, alla luce di quanto accaduto, quali reazioni hanno avuto i membri della Giunta Manildo? Nessuna! I cittadini pretendono delle risposte, perlomeno delle risposte politiche, delle chiare prese di posizione; per questo motivo mercoledì sera, dopo il mio intervento in Consiglio comunale, ho depositato un'interrogazione al Sindaco per chiedere come intenda reagire, intervenire e provvedere per garantire la sicurezza dei trevigiani. Vogliamo risposte chiare sul tema sicurezza", ha concluso. Il consigliere, nel suo attacco all'Amministrazione, ha poi affermato che gli episodi sopra citati sono solo gli ultimi tre in ordine temporale "di una sequela di situazioni di degrado, malavita e delinquenza con cui la nostra città oramai è costretta quasi quotidianamente a convivere. Questa situazione d’insicurezza generale provoca nei cittadini molto disagio, turbamento e spavento e li porta a domandarsi se, ed in che modo, le Istituzioni stiano operando per riportare la città in un clima di normalità".

Nel dettaglio, l'interrogazione presentata da Acampora pone diversi quesiti al sindaco Manildo, tra cui: "Come intende l’Amministrazione comunale intervenire, reagire e provvedere, nel limite delle proprie competenze, per garantire la sicurezza e l'incolumità dei cittadini trevigiani alla luce di questi episodi?"; "In che modalità l'Amministrazione ha richiesto un confronto con il Prefetto di Treviso e con gli altri vertici delle forze dell'ordine per organizzare un piano di intervento concreto sul territorio, che permetta di mettere fine agli innumerevoli episodi di delinquenza, degrado e criminalità divenuti oramai ordinaria quotidianità?" e infine, "se l'Amministrazione comunale si rende davvero conto della criticità della situazione ed il disagio che essa provoca nella quotidianità della gente comune".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escalation di violenza a Treviso città: il consigliere Acampora interroga Manildo

TrevisoToday è in caricamento